505 sindaci

11 marzo 2014 - Tonio Dell'Olio

Sul complesso del gioco d'azzardo si contano 80 miliardi di giocate all'anno che ė pari al 4% del prodotto interno lordo italiano e che producono 8 miliardi di tasse versate allo Stato. Ma tutto questo non può giustificare i 2 milioni di giocatori a rischio patologico e i circa 800mila già nella fase critica. Nè le intere famiglie mandate in rovina. In viale Monza, che è una delle vie più popolate di Milano con grandi condomini, tra il numero 9 e il 110, si sono installate ben sette sale con slot machine. Hanno calcolato che ce n'è una ogni 15 condomini della zona. Nell'intera città esiste una sala giochi ogni 8000 abitanti, una slot machine ogni 160. Si capisce perché 505 sindaci (ma l'appello è ancora in corso) hanno firmato un “Manifesto per la legalità contro il gioco d’azzardo” per proporre una legge di iniziativa popolare che dia loro maggiori poteri di controllo sulle sale gioco e delle slot machine. Chiedono ad esempio di poter ridurre il numero delle licenze, di non aprire sale gioco nei pressi delle scuole o nei luoghi frequentati dai minori. Un atto di responsabilità civica e sociale che ci fa sperare. I soldi non sono tutto. Non possono giustificare tutto. Nè per la gente comune ma nemmeno per lo Stato che si illude di risanare i conti pagando di fatto un costo sociale molto più salato. Anche in termini economici. I sindaci l'hanno capito. Speriamo che lo capiscano anche a Roma.

Ultimo numero

Identità maschile
MAGGIO 2017

Identità maschile

Essere uomini oggi: cosa cambia?
Fragilità e stereotipi, ruoli ed emozioni,
in una società complessa e fluida:
è tempo di ridefinire un’identità di genere plurale.
È tempo di scrivere relazioni nuove e più autentiche.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • PRIMO PIANO LIBRI

    Pio La Torre

    Nelle pagine di un libro, nelle parole del figlio, la vita, l’impegno e il coraggio civile e umano di un grande testimone della lotta alla mafia.
    Gina Abbate
  • GIOVANI

    Educare al cambiamento

    Il campo estivo di Amnesty International a Lampedusa. Giovani al servizio dei migranti.
    Jacopo Gandin
  • GHETTI

    Amadou e il suo sogno

    Il sogno di questo giovane ragazzo del Gambia è di fare il calciatore. O, se possibile, di studiare informatica. Invece è finito nel ghetto Ghana, in Puglia.
    Elisabetta Tusset
  • SOLIDARIETÀ

    Ghetto Ghana

    Nelle periferie italiane esistono ghetti di ogni tipo.
    Dove l’umanità non ha diritti né dignità. E neanche case e servizi igienici.
    Ecco il progetto di alcuni giovani volontari che desiderano offrire il proprio aiuto.
    Giulio Di Luzio
  • DISARMO

    Tutti marines?

    Gli occhi della Difesa, statunitense e italiana, sono sui nostri giovani: quando i militari entrano a scuola.
    Antonio Mazzeo
  • PRIMO PIANO LIBRI

    Inospitale terra promessa

    Minori non accompagnati, tra sogni infranti e realtà da affrontare. In un libro della casa editrice la meridiana, storie di migrazioni forzate.
    Intervista a cura di Rosa Siciliano
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62