Cop21 le parole non bastano

30 novembre 2015 - Tonio Dell'Olio

È tutta la terra a chiedere - mendicante - ai 150 capi di stato riuniti a Parigi per la Conferenza sul clima (Cop21), di correre ai ripari e di assumere decisioni risolutive. Si tratta di un'emergenza perché dalle scelte nelle quali si impegneranno si decide della vita e della morte di intere popolazioni, dell’esodo migratorio cui sembriamo rassegnati per i prossimi anni, della vita stessa della terra. Mendicanti anche perché alla conferenza di Copenaghen del 2009 i paesi sviluppati si sono impegnati a investire cento miliardi di dollari, provenienti da fondi pubblici e privati, per consentire ai paesi in via di sviluppo di lottare contro i rischi legati al clima e di investire a favore di uno sviluppo sostenibile. Una parte di questi soldi devono arrivare dal Fondo verde per il clima, un meccanismo finanziario creato dall’Onu. Ma a giugno del 2015 solo 4 miliardi di dollari dei 10,2 promessi da una trentina di paesi per finanziare questo fondo erano stati sbloccati. Insomma la conferenza che inizia oggi a Parigi non può continuare ad essere una buona dichiarazione di principi senza fatti concreti. Il cambiamento climatico non si combatte con le parole.

Ultimo numero

Quella chiusura europea
MAGGIO 2016

Quella chiusura europea

Chiudere le frontiere non risolve niente,
perché quella chiusura alla lunga
fa male al proprio popolo
e l’Europa deve urgentemente
fare politiche di accoglienza, integrazione,
crescita, lavoro e riforma dell’economia.
Papa Francesco
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62