Cop21 le parole non bastano

30 novembre 2015 - Tonio Dell'Olio

È tutta la terra a chiedere - mendicante - ai 150 capi di stato riuniti a Parigi per la Conferenza sul clima (Cop21), di correre ai ripari e di assumere decisioni risolutive. Si tratta di un'emergenza perché dalle scelte nelle quali si impegneranno si decide della vita e della morte di intere popolazioni, dell’esodo migratorio cui sembriamo rassegnati per i prossimi anni, della vita stessa della terra. Mendicanti anche perché alla conferenza di Copenaghen del 2009 i paesi sviluppati si sono impegnati a investire cento miliardi di dollari, provenienti da fondi pubblici e privati, per consentire ai paesi in via di sviluppo di lottare contro i rischi legati al clima e di investire a favore di uno sviluppo sostenibile. Una parte di questi soldi devono arrivare dal Fondo verde per il clima, un meccanismo finanziario creato dall’Onu. Ma a giugno del 2015 solo 4 miliardi di dollari dei 10,2 promessi da una trentina di paesi per finanziare questo fondo erano stati sbloccati. Insomma la conferenza che inizia oggi a Parigi non può continuare ad essere una buona dichiarazione di principi senza fatti concreti. Il cambiamento climatico non si combatte con le parole.

Ultimo numero

Identità maschile
MAGGIO 2017

Identità maschile

Essere uomini oggi: cosa cambia?
Fragilità e stereotipi, ruoli ed emozioni,
in una società complessa e fluida:
è tempo di ridefinire un’identità di genere plurale.
È tempo di scrivere relazioni nuove e più autentiche.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • AMBIENTE

    Dal clima in poi

    Il fallimento degli accordi di Parigi COP21 sul clima pesano sul futuro dell’umanità. Equivalgono a una dichiarazione di guerra generalizzata.
    Che ne sarà delle risorse naturali e della sopravvivenza dei popoli?
    Rodrigo Rivas
  • POTERE DEI SEGNI

    La cura della casa

    A pochi giorni dall’anniversario del disastro della centrale nucleare di Chernobyl, è bene riscoprire la nostra vocazione alla bellezza di cui siamo custodi.
    La casa comune ci è stata affidata e dobbiamo prendercene cura.
    Sergio Paronetto
  • GIUSTIZIA

    Ecogiustizia è fatta

    Dopo 21 anni l’Italia ha la legge sugli ecoreati.
    Ecco cosa vuol dire e cosa prevede.
    Stefano Ciafani
  • PROPOSTE

    La rana nel pozzo

    Pax Christi al Monastero dei Beni Comuni.
    Per parlare di ecofemminismo. E di creato.
    Eugenio Morlini
  • PRIMO PIANO LIBRI

    Un nuovo clima di giustizia

    Uno sguardo ecumenico eco-femminista alla crisi ambientale ed etica che attraversiamo.
    Un libro da non perdere, di Letizia Tomassone.
    Sergio Paronetto
  • CHIAVE D'ACCESSO

    Ecoreati

    Con la nuova legge nulla sarà come prima.
    Il disegno di legge appare troppo generoso.
    Pene troppo leggere, tante vie di uscita per chi commette reati ambientali colposi.
    Alessandro Marescotti
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62