COP21 – Fu vera gloria?

15 dicembre 2015 - Tonio Dell'Olio

Il risultato finale della Conferenza mondiale sul clima di Parigi è stato quasi universalmente salutato come un successo. La verità è che sono pochi ad averci capito qualcosa. Al di là dell’esigenza di sopravvivenza di isole e paesi che già oggi sono drammaticamente chiamati a fare i conti con l’innalzamento delle temperature, con l’avanzamento della desertificazione e con l’aumento del livello dei mari a causa dello scioglimento dei ghiacciai, solo a pochissimi addetti ai lavori appare chiaro quali soluzioni abbiano poi trovato l’accordo dei paesi partecipanti alla Conferenza stessa. È stato annunciato che tutti hanno sottoscritto l’impegno a limitare l’aumento di temperatura globale a 1,5 gradi centigradi ma questo implicherebbe una riduzione delle emissioni di più dell’80 per cento entro il 2030: un’eventualità che però gli stessi governi rifiutano. Con ogni probabilità l’intenzione dei paesi industrializzati è quella di sperimentare dei nuovi sistemi di cattura e smaltimento degli stessi gas piuttosto che di ridurne le emissioni. Ma questi sistemi sono ancora di là da venire e, soprattutto, nessuno è in grado di valutarne la pericolosità. Se a questo si aggiunge che non mi pare sia stato previsto alcun tipo di sanzione per le nazioni che non rispetteranno gli impegni assunti, comprendiamo come a Parigi si sia lastricato il cammino della salvaguardia dell’ambiente solo di buone intenzioni. Dimenticavo: le tecnologie sperimentali per smaltire i gas nocivi sono patrimonio di molte delle aziende multinazionali che li producono. Come a dire che dopo aver lucrato inquinando oggi hanno per le mani il grande business del disinquinamento globale. Doppio guadagno. Per loro sì Parigi è stato un successo.

Ultimo numero

Identità maschile
MAGGIO 2017

Identità maschile

Essere uomini oggi: cosa cambia?
Fragilità e stereotipi, ruoli ed emozioni,
in una società complessa e fluida:
è tempo di ridefinire un’identità di genere plurale.
È tempo di scrivere relazioni nuove e più autentiche.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • AMBIENTE

    Dal clima in poi

    Il fallimento degli accordi di Parigi COP21 sul clima pesano sul futuro dell’umanità. Equivalgono a una dichiarazione di guerra generalizzata.
    Che ne sarà delle risorse naturali e della sopravvivenza dei popoli?
    Rodrigo Rivas
  • POTERE DEI SEGNI

    La cura della casa

    A pochi giorni dall’anniversario del disastro della centrale nucleare di Chernobyl, è bene riscoprire la nostra vocazione alla bellezza di cui siamo custodi.
    La casa comune ci è stata affidata e dobbiamo prendercene cura.
    Sergio Paronetto
  • GIUSTIZIA

    Ecogiustizia è fatta

    Dopo 21 anni l’Italia ha la legge sugli ecoreati.
    Ecco cosa vuol dire e cosa prevede.
    Stefano Ciafani
  • PROPOSTE

    La rana nel pozzo

    Pax Christi al Monastero dei Beni Comuni.
    Per parlare di ecofemminismo. E di creato.
    Eugenio Morlini
  • PRIMO PIANO LIBRI

    Un nuovo clima di giustizia

    Uno sguardo ecumenico eco-femminista alla crisi ambientale ed etica che attraversiamo.
    Un libro da non perdere, di Letizia Tomassone.
    Sergio Paronetto
  • CHIAVE D'ACCESSO

    Ecoreati

    Con la nuova legge nulla sarà come prima.
    Il disegno di legge appare troppo generoso.
    Pene troppo leggere, tante vie di uscita per chi commette reati ambientali colposi.
    Alessandro Marescotti
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62