Ermanno Olmi che ama sorprenderci

2 febbraio 2016 - Tonio Dell'Olio

Al Premio Nonino (quarantunesima edizione) Ermanno Olmi si ripresentava in pubblico dopo un lungo periodo di assenza forzata. Per questo ha distillato al meglio la sua partecipazione con due gemme che diventano significative come una provocazione, una proposta, una visione di vita. La prima è stata il videoclip che ha accompagnato le premiazioni. Dedicato alla Terra, al semplice ciclo delle stagioni, ai colori, ai profumi, al rapporto dell’uomo con madre natura. “Questo video - ha spiegato Olmi - vuole ricordare che noi crediamo di conoscere il pianeta in cui viviamo, mentre lo conosciamo solo con i piedi, perché lo calpestiamo. E invece, questo luogo che ci ospita offre possibilità straordinarie di comunicare gioia a noi stessi e agli altri”. La seconda sorpresa è stato un annuncio: “Sto montando un docu-film sulla figura del cardinale Carlo Maria Martini, che è stato una delle persone più avanzate della storia. Anzi lui è sempre stato al passo con la storia, siamo noi che siamo rimasti indietro”. Grazie Olmi perché poni l’arte al servizio della vita, la pianti come seme nella terra che è stata vangata da testimoni autentici come Martini. Forse di questo abbiamo bisogno oggi più che in altri momenti della storia. Che qualcuno ci provochi con la speranza dei semi e di coloro che li coltivano.

Ultimo numero

Identità maschile
MAGGIO 2017

Identità maschile

Essere uomini oggi: cosa cambia?
Fragilità e stereotipi, ruoli ed emozioni,
in una società complessa e fluida:
è tempo di ridefinire un’identità di genere plurale.
È tempo di scrivere relazioni nuove e più autentiche.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • AMBIENTE

    Le Guardiane della Terra

    Con sguardo e mani di donna.
    Salvare l’ambiente è indispensabile.
    Nasce un Coordinamento al femminile di associazioni attive nella difesa ambientale.
    Rita Cantalino
  • PAROLA A RISCHIO

    L’ottava opera di misericordia

    Gabriele Scalmana
  • POTERE DEI SEGNI

    La cura della casa

    A pochi giorni dall’anniversario del disastro della centrale nucleare di Chernobyl, è bene riscoprire la nostra vocazione alla bellezza di cui siamo custodi.
    La casa comune ci è stata affidata e dobbiamo prendercene cura.
    Sergio Paronetto
  • POTERE DEI SEGNI

    Coltivare la bellezza

    È nostro compito è custodire il creato riponendo sulla faccia di questo nostro pianeta uno sguardo di tenerezza. Perché si possa realizzare il sogno di Isaia.
    Sergio Paronetto
  • MOVIMENTI

    La Valle resiste ancora

    La lunga storia di un popolo che difende la propria terra da progetti di devastazione ambientale e di grandi opere. La valle, i No Tav e il mondo cattolico.
    Gruppo Cattolici per la Vita della Valle
  • GIUSTIZIA

    Ecogiustizia è fatta

    Dopo 21 anni l’Italia ha la legge sugli ecoreati.
    Ecco cosa vuol dire e cosa prevede.
    Stefano Ciafani
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62