Che c’entra la Nato?

12 febbraio 2016 - Tonio Dell'Olio

Quella di migranti e profughi è una crisi umanitaria. Che c’entra la NATO? Eppure ieri è stato deciso che nel Mar Egeo intervengano mezzi e uomini sotto comando Nato. Val la pena allora ricordare che quest’organismo militare nacque per difendere le nazioni aderenti dalla minaccia del blocco sovietico ovvero del Patto di Varsavia ormai dissoltosi da tempo. Piuttosto che sciogliersi a sua volta anche il Patto Altantico, si è riciclato aggiornando la propria missione nella difesa da ogni minaccia nei confronti dei Paesi che ne fanno parte. Dobbiamo credere allora che venga intesa come una minaccia la richiesta di aiuto delle folle umane che scappano dalla guerra o dalla fame? E quali compiti specifici avranno i mezzi Nato (navi e aerei) nel Mediterraneo? Mettere in salvo i profughi o respingerli? Perseguire gli scafisti? Semplicemente intercettare le imbarcazioni di fortuna per segnalarli alle autorità nazionali di competenza? La preoccupazione, più che fondata, è che si intendano i perseguitati dalla guerra come una minaccia che necessita di un’alleanza militare per essere fronteggiata. E questo umilia il senso di umanità oltre che lo stesso diritto internazionale. Per soccorrere le popolazioni minacciate, per far fronte alle crisi umanitarie, le nazioni avevano dato vita a qualcosa chiamata ONU. 

Ultimo numero

Identità maschile
MAGGIO 2017

Identità maschile

Essere uomini oggi: cosa cambia?
Fragilità e stereotipi, ruoli ed emozioni,
in una società complessa e fluida:
è tempo di ridefinire un’identità di genere plurale.
È tempo di scrivere relazioni nuove e più autentiche.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • Resistenze popolari
    PALESTINA

    Resistenze popolari

    La vita dei palestinesi è resistenza quotidiana.
    Viaggio nelle sue diverse forme nonviolente, dal Samùd al Muqàwama.
    Wasim Dahmash
  • COOPERAZIONE

    Da che parte stiamo

    I popoli impoveriti, i volti in fuga da guerre e carestie, le moderne forme di colonialismo economico interrogano le nostre politiche.
    Ma anche le nostre coscienze.
    Elisa Kidanè
  • CHIAVE D'ACCESSO

    Un mondo in verde

    La green economy e il movimento pacifista.
    Possono essere una strada per prevenire la guerra?
    Alessandro Marescotti
  • INIZIATIVE

    Vita democratica nel Sahara

    Voci dai campi di rifugiati sahrawi.
    A Dakhla si è svolto il congresso straordinario del Fronte Polisario.
    Cinzia Terzi
  • MIGRANTI

    Terra di nessuno

    Racconto di un giovane volontario in uno dei tanti luoghi che raccolgono migranti in cerca di fortuna, in fuga da guerre e miserie. E che si scontrano con i nostri muri.
    Francesco Scardaccione
  • AMBIENTE

    Dal clima in poi

    Il fallimento degli accordi di Parigi COP21 sul clima pesano sul futuro dell’umanità. Equivalgono a una dichiarazione di guerra generalizzata.
    Che ne sarà delle risorse naturali e della sopravvivenza dei popoli?
    Rodrigo Rivas
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62