Quattro preti di Bergamo

24 febbraio 2016 - Tonio Dell'Olio

Un grazie di cuore a don Gianluca De Ciantis, don Andrea Testa, don Alessandro Nava e don Emanuele Personeni, delle comunità di Mapello, Valtrighe e Ambivere nella diocesi di Bergamo. Sono quattro preti che hanno deciso di vivere il tempo della Quaresima in una tenda piazzata davanti alla canonica per richiamare alle loro comunità il dramma di profughi e migranti costretti a lasciare le loro terre e ad affrontare i rischi del viaggio per nulla garantito e, troppo spesso, l’inospitalità della gente d’Europa. Grazie perché hanno impresso in un lungo e articolato documento (http://www.santalessandro.org/2016/02/quattro-preti-vanno-a-vivere-in-tenda-per-la-quaresima-un-gesto-di-denuncia-e-di-attenzione-ai-poveri/) le riflessioni e le motivazioni della scelta che sono molto più profonde della semplice protesta e ragionano sulle cause remote e prossime di questa crisi umanitaria. Grazie perché hanno deciso di non rilasciare interviste lasciando che a parlare fosse solo il segno di una tenda piazzata lì davanti a tutto il paese. Grazie perché: “Questa decisione nasce dalla presa di coscienza che il prezzo del nostro benessere è la riduzione in miseria di altri esseri umani – hanno scritto. Non siamo più disposti ad accettare un sistema del genere. Per questo vogliamo lasciare simbolicamente le nostre case”. Grazie perché: “Staremo in una tenda per dire che non siamo disposti ad accettare un sistema che procura benessere a noi provocando sofferenza a qualcun altro”. Grazie perché: “Noi sacerdoti non possiamo rovesciare le sorti dei poveri. Però possiamo stare dalla loro parte”.

Ultimo numero

Identità maschile
MAGGIO 2017

Identità maschile

Essere uomini oggi: cosa cambia?
Fragilità e stereotipi, ruoli ed emozioni,
in una società complessa e fluida:
è tempo di ridefinire un’identità di genere plurale.
È tempo di scrivere relazioni nuove e più autentiche.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • Pescatori di uomini nel Mediterraneo

    27 aprile 2017 - Tonio Dell'Olio
  • INIZIATIVE

    Piccoli ambasciatori di pace

    Bambini saharawi per alcune settimane lontani dal campo profughi, accolti in Lombardia, raccontano la sete di libertà.
    Mani laboriose donano reciprocità.
    Patrizia Minella (presidente associazione Karama) e Giada Felline (volontaria)
  • GHETTI

    Amadou e il suo sogno

    Il sogno di questo giovane ragazzo del Gambia è di fare il calciatore. O, se possibile, di studiare informatica. Invece è finito nel ghetto Ghana, in Puglia.
    Elisabetta Tusset
  • MIGRANTI

    Terra di nessuno

    Racconto di un giovane volontario in uno dei tanti luoghi che raccolgono migranti in cerca di fortuna, in fuga da guerre e miserie. E che si scontrano con i nostri muri.
    Francesco Scardaccione
  • PAX CHRISTI

    Tempo di ponti

    Non muri, ma ponti. Anche al Brennero.
    Cronaca di un’altra Europa che chiede incontro tra popoli.
    Renato Sacco
  • CONFLITTI

    Iraq: tra speranza e paura

    Oggi Daesh è destinato alla sconfitta.
    Ma bisogna combattere settarismi e corruzione.
    Intervista esclusiva a Ismael Dawood (ICSSI).
    Intervista a cura di Renato Sacco
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62