Il primo giorno di Primavera

18 marzo 2016 - Tonio Dell'Olio

Con ostinata coerenza sono 21 anni che Libera promuove la Giornata della memoria delle vittime di mafia e dell'impegno. Ogni anno sempre lo stesso giorno, il 21 marzo, primo giorno di Primavera. Ma è tutt'altro che un rituale ripetitivo. Piuttosto è il tentativo di saldare il debito con coloro che ci hanno indicato col proprio sangue la via verso l'onestà e la trasparenza, la fedeltà ai valori della democrazia e della passione per la giustizia. Finalmente ora almeno uno dei due rami del Parlamento (il Senato) ha riconosciuto il 21 marzo come Giornata nazionale. Soddisfatti sono soprattutto i familiari di quel lungo elenco che viene scandito come un monito. Perché contrariamente a quello che pensiamo, le vittime non sono solo quelle che vengono uccise. Da quel momento, a pagare il conto ogni giorno, ci sono anche i loro familiari che vivono il vuoto dell'assenza e, troppo ma troppo spesso, anche il dolore sottile della mancanza della verità sui fatti e della giustizia. Per questo è bello e giusto che le strade di mille piazze d'Italia il 21 marzo siano affollate di bambini e ragazzi nei quali cresca il disgusto per il malaffare e la violenza e insieme alla promessa di riuscire a costruire un mondo più giusto. E questa è Primavera.

Ultimo numero

Identità maschile
MAGGIO 2017

Identità maschile

Essere uomini oggi: cosa cambia?
Fragilità e stereotipi, ruoli ed emozioni,
in una società complessa e fluida:
è tempo di ridefinire un’identità di genere plurale.
È tempo di scrivere relazioni nuove e più autentiche.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • Pio La Torre

    26 aprile 2017 - Tonio Dell'Olio
  • 21 marzo Giornata nazionale
    MAFIE

    21 marzo Giornata nazionale

    È legge. È nazionale la Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime di mafia. Perché dal dolore dei familiari nasce la speranza.
    E l’impegno di tutti nella lotta alle mafie.
    Tonio Dell’Olio
  • PRIMO PIANO LIBRI

    Pio La Torre

    Nelle pagine di un libro, nelle parole del figlio, la vita, l’impegno e il coraggio civile e umano di un grande testimone della lotta alla mafia.
    Gina Abbate
  • PROGETTI

    Quanto vale un pomodoro

    L’esperienza di una cooperativa sociale nella trasformazione di un luogo agricolo da lavoro sommerso a opportunità occupazionali serie.
    Pietro Fragasso
  • INIZIATIVE

    Frammenti di Lea

    Giovani e lotta alla criminalità.
    Perché la legalità sia un indiscusso valore civico, in Basilicata si ricorda Lea Garofalo.
    Anna Rotundo
  • CHIESA

    Peccati di mafia

    La mafia è una struttura di peccato? Perché?
    Se lo chiede Rosario Giuè nel suo nuovo libro su Chiesa e potere mafioso.
    Abbiamo intervistato l’autore.
    Rosa Siciliano
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62