Problemi di parcheggio…

6 aprile 2016 - Renato Sacco

Evvai!! Con un colpo solo Finmeccanica ha piazzato al Kuwait 28 Eurofighter Typhoon, ‘il più avanzato aereo da difesa multiruolo di nuova generazione disponibile sul mercato’. La firma - si legge sul Fatto Quotidiano - è avvenuta alla presenza del ministro della Difesa Roberta Pinotti e del ministro della Difesa kuwaitiano Khaled Al Jarrah Al Sabah.

Finmeccanica, come capocommessa, può contare su una quota pari a poco meno del 50% di un valore del contratto tra 7 e 8 miliardi, quindi tra i 3 e i 4 miliardi. ‘Si tratta del più grande traguardo commerciale mai raggiunto, dice l’ad Moretti, un grande successo anche per l’intero sistema Paese!’. Beh, insomma!

Io non mi sento proprio per niente orgoglioso di questo accordo!

Ma, lasciando ad altri momenti una riflessione più completa, con Pax Christi e con tutta la Retedisarmo, mi faccio ora una domanda…

No, non mi chiedo se davanti a questi accordi di armi da guerra possano valere le parole di papa Francesco, in questi giorni pasquali: “Dietro a Giuda c’erano quelli che hanno dato il denaro perché Gesù fosse consegnato. Dietro quel gesto ci sono i fabbricanti, i trafficanti di armi, che vogliono il sangue, non la pace, che vogliono la guerra, non la fratellanza… O Croce di Cristo, ti vediamo ancora oggi nei potenti e nei venditori di armi che alimentano la fornace delle guerre con il sangue innocente dei fratelli..."

No, non mi chiedo se questo sia il modo migliore per ricordare il 9 aprile 2003, giorno in cui fu abbattuta la statua di Saddam a Baghdad. 

No, non mi chiedo tante altre cose che vorrei sapere dal ministro Pinotti, ad es.: se gli Eurofighter sono così belli, perché dobbiamo spendere una montagna di soldi per gli F-35?

La mia è una domanda banale: se l’Italia che ha una superficie di 301.340 km² possiede 96 aerei Eurofighter, il Kuwait che ha un superficie di 17.818 km² (17 volte più piccolo dell’Italia), dove li mette 28 Eurofighter? Ha il posto per parcheggiarli?

Ridiamo, per non piangere.

Ultimo numero

Identità maschile
MAGGIO 2017

Identità maschile

Essere uomini oggi: cosa cambia?
Fragilità e stereotipi, ruoli ed emozioni,
in una società complessa e fluida:
è tempo di ridefinire un’identità di genere plurale.
È tempo di scrivere relazioni nuove e più autentiche.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62