Isukali

10 giugno 2016 - Renato Sacco

Dal Burundi (…ma dov’è il Burundi?) una breve lezione di economia. Chiara, semplice,  vera. Che fa capire molto, a partire da un cucchiaio di zucchero (Isukali). Così vanno le cose...

La trascrivo quasi integralmente:

“Ormai da qualche giorno é molto difficile trovare dello zucchero, o lo si trova a dei prezzi impossibili. Ormai da circa 3 anni era diventato un po' il segno del progresso del paese,  - scrive l’amico missionario in Burundi, che chiede di non essere citato - perché da alimento riservato ai ricchi era diventato accessibile a molti. Qui lo si vende a cucchiai, un cucchiao 50 franchi, due cucchiai 100... I bambini lo vanno a comprare al mattino per metterlo nel thé.
 Attorno era nata tutta un'economia semplice, ma significativa per molte famiglie, perché lungo le strade si incontrano le mamme, che davanti casa, con i thermos vendono una tazza di thé per 200Fr. … Ora tutto questo é sparito. Lo zucchero c'é, lo si produce qui, ma é stoccato in magazzini, per speculare sul prezzo. Chi dice di controllare il mercato é l'artefice delle speculazioni... Storie di piccole economie domestiche, che rispecchiano nel piccolo, forse il grande egoismo che osserviamo nella crisi mondiale. Ora le grandi ONG compreranno a prezzi impossibili, per "donarlo" ai poveri nei vari programmi di assistenza e rendere assistiti per tutta una vita, i disgraziati che non possono permetterselo, é già successo per i fagioli e il riso e si ripeterà per altri generi fino alla prossima rivolta e bagno di sangue... La giustizia non sempre coincide con la carità... Buona giornata a tutti dai nostri 35° impolverati.” 

Ultimo numero

Nell'era della globalizzazione
NOVEMBRE 2017

Nell'era della globalizzazione

Tutto diventa globale e il “pensiero unico” occidentale si materializza
come intreccio di poteri e forme di dominio…
Nell’arena globale, le multinazionali ricoprono il vuoto lasciato
dallo Stato-nazione e questo è il più grave danno
per ogni sforzo di democrazia.
Noam Chomsky
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • PAROLA A RISCHIO

    I poveri e noi

    Le povertà nel mondo sono cresciute, si sono diversificate e bussano alle nostre coscienze. Paure, speranze e illusioni, guardando in volto poveri e diseredati.
    Giovanni Giudici
  • COOPERAZIONE

    Da che parte stiamo

    I popoli impoveriti, i volti in fuga da guerre e carestie, le moderne forme di colonialismo economico interrogano le nostre politiche.
    Ma anche le nostre coscienze.
    Elisa Kidanè
  • MIGRANTI

    Terra di nessuno

    Racconto di un giovane volontario in uno dei tanti luoghi che raccolgono migranti in cerca di fortuna, in fuga da guerre e miserie. E che si scontrano con i nostri muri.
    Francesco Scardaccione
  • POTERE DEI SEGNI

    Il Vangelo dei poveri

    Il Vangelo della pace. E i poveri.
    Anzi, una Chiesa povera per i poveri.
    Perché è da loro che partirà l’evangelizzazione.
    Sergio Paronetto
  • PAX CHRISTI

    Mare monstrum

    La tragedia degli oltre 900 migranti che hanno perso la vita in mare, le nostre coscienze, il cambiamento necessario. E le conclusioni dell’Assemblea nazionale di Pax Christi che ci invita a essere irriducibili sognatori.
    Sergio Paronetto
  • INIZIATIVE

    Chiesaditutti

    Un percorso nato da gruppi e movimenti di base che vogliono rileggere il Concilio nella storia dell’oggi. Chiesaditutti, Chiesadeipoveri.
    Cosa è, cosa propone, quali gli appuntamenti prossimi.
    Vittorio Bellavite
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.4