Israele Italia. L’erba del vicino...

5 settembre 2016 - Renato Sacco (coordinatore nazionale di Pax Christi)

Stasera c’è la partita di calcio Israele-Italia. Una partita come tante altre? Non proprio.

La nazionale di Israele rappresenta uno Stato (legale) che, a proposito di erba verde, ruba il 70% dell’acqua dei territori palestinesi occupati (illegalmente), a favore delle 'residenze' dei  ‘coloni’. E che dire del 'muro' lungo più di 700 chilometri!

Israele ha bombardato Gaza nel 2014, e non solo, provocando più di 2000 morti, di cui oltre 500 bambini. Più di 17.000 case sono state totalmente distrutte. Colpita anche la scuola gestita dall’Onu e distrutta una scuola 'italiana' realizzata anche con i nostri soldi. Ma Gaza è ritenuta covo di terroristi fino a quando Madre Teresa diventa Santa e si scopre che le sue suore sono lì da anni.

Lo so che a scrivere queste cose si rischia di essere tacciati di 'antisemitismo' o di essere 'amico dei terroristi' palestinesi. Ma… la Palestina non esiste. Provate a dire che andate in Palestina all’aeroporto di Tel Aviv, e poi vedete cosa succede. È stata riconosciuta dal Vaticano, lo scorso maggio 2015, proprio mentre eravamo a Betlemme per l’Assemblea Internazionale di Pax Christi, e al segretario internanzionale del movimento che a Betlemme celebrava i suoi 70 anni non fu concesso di intrare in Israele.

A peggiorare la situazione c’è un altro dato ufficiale: anche nel 2014 (ultimo dato disponibile del rapporto europeo) l’Italia risulta essere, con 144 milioni di Euro, il maggior esportatore di sistemi militari a Israele. E questo in violazione alla nostra legge 185 che vieta la vendita di armi a Paesi in guerra o che violano i diritti umani.

E tutto questa cosa c’entra con la partita?

Niente, forse. Solo per ricordare che sul campo sono in gioco molti interessi, affari e businnes, oltre che diritti umani calpestati.

Ma la politica non c'entra con il calcio. Vero, forse.

C’è anche la proposta di BDS Italia che va condivisa: bdsitalia.org/index.php/campagne/sportivo/2140-bandiere.

Certo che non si può far finta di niente o peggio ancora essere complici. È come se a qualcuno venisse in mente di organizzare i mondiali di calcio in Qatar, che sappiamo non è che ha un gran rispetto per i diritti umani, soprattutto per i lavoratori stranieri e, peggio ancora, è riconosciuto come sostenitore del’Isis, sedicente stato islamico. E il Qatar ha grandi interessi finanziari e immobiliari anche in Italia. Ebbene sì, i mondiali di calcio saranno proprio in Qatar nel 2022! Ma guarda un po’!

Laddove ci sono grandi interessi economici, anche con commercio delle armi, è difficile pensare che il calcio sia solo uno sport, in Israele come in Qatar.

Ultimo numero

Il dio in cui non credo
FEBBRAIO 2017

Il dio in cui non credo

Il Dio in cui crediamo è un altro,
non quello che ha in mente Trump.
Non un dio economico, cioè.
Non il dio delle banconote, dell'esclusione.
Non quello dei muri.
Ma il Padre di tutti.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62