Disarma! Per un clima di pace

30 settembre 2016 - Renato Sacco (coordinatore nazionale di Pax Christi)

Inizia oggi, 30 settembre, e si concluderà il 2 ottobre a Berlino il Congresso mondiale “Disarm! For a Climate of Peace” (Disarma! Per un clima di pace) promosso dall’International Peace Bureau con il contributo e la partecipazione di numerose organizzazioni (tra cui anche Pax Christi International) e Campagne internazionali. Un incontro dei movimenti che quotidianamente cercano di costruire pace e disarmo, nel concreto delle scelte e delle proposte politiche.

“Il Congresso – scrive Francesco Vignarca, presente a Berlino a nome di Rete Disarmo di cui fa parte anche Pax Christi – cercherà di focalizzare, con dati e analisi, l’attuale tendenza globale alla militarizzazione che sta portando a sempre più guerre… Con una politica più saggia che scelga destinazioni diverse per questo denaro miliardi di dollari potrebbero essere investiti, invece, per mitigare il cambiamento climatico, rafforzare pace e sicurezza in tutto il mondo, sostenere uno sviluppo positivo e sostenibile, dare risorse per progetti umanitarie e promuovere giustizia sociale”.

Più di 200 relatori in decine di incontri plenari, tavole rotonde, workshops e un numero crescente di eventi collaterali organizzati dalle principali campagne pacifiste e disarmiste internazionali. Per costruire davvero una nuova agenda di azione comune per un percorso di pace possibile. 

L’aggiornamento definitivo del programma del Congresso è scaricabile a questo link: https://www.ipb2016.berlin
Come Pax Christi Italia vedremo di raccogliere quanto ci diranno dopo questo Congresso di Berlino, sia Pax Christi International sia il nostro Francesco Vignarca. Intanto lavoriamo sui nostri territori, ci prepariamo alla Perugia-Assisi (v. comunicato del 27 settembre http://www.paxchristi.it/?p=12238), con l’impegno per la riduzione delle spese militari, una Difesa civile non armata e nonviolenta in Italia e in Europa, no F-35, no B 61 e stop alle Armi in Medio Oriente e a paesi in guerra.

Mentre la tragedia di Aleppo, e non solo, ci provoca ancor di più all’impegno e all’indignazione, vi segnalo la campagna di ENAAT (European Network Against Arms Trade) per chiedere con forza che si dica “NO” all’inclusione della ricerca militare e per le armi nel budget UE.  In pratica l’industria degli armamenti sta consigliando l'Unione Europea di iniziare a fornire fondi e sussidi alla stessa industria militare. Questa non è l’Unione Europea che vogliamo! Finora prodotti di natura militare erano rimasti esclusi da qualsiasi stanziamento previsto nelle linee di Bilancio UE. 
Dobbiamo fermare ora questa insensata intenzione!
 Nemmeno un centesimo dei fondi pubblici UE deve finire nelle tasche delle aziende che producono armamenti.

(https://act.wemove.eu/campaigns/EU-dont-invest-in-weapons

Ultimo numero

Apocalisse nucleare?
APRILE 2017

Apocalisse nucleare?

L’obiettivo finale dell’eliminazione totale delle armi nucleari
diventa sia una sfida sia un imperativo morale e umanitario.
Papa Francesco
28 marzo 2017
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • MOVIMENTI

    Fuori dalla guerra globale

    È urgente una riflessione seria sulla necessità di una neutralità vera.
    Quale modello perseguiamo nelle relazioni tra Stati in un tempo di guerra globale?
    Francesco Martone
  • LETTERATURA

    Racconti di Bosnia

    Biografia di Ivo Andric: parole sofferte e rasserenanti di un famoso bosniaco, in pagine da non dimenticare.
    Fabrizio Truini
  • CHIAVE D'ACCESSO

    Spartan Race

    Allenamenti spartani, lotte, giavellotti. Eroi per finta.
    E per pubblicità. La nuova invenzione di Reebok.
    E il suo nuovo marketing.
    Alessandro Marescotti
  • AMBIENTE

    Dal clima in poi

    Il fallimento degli accordi di Parigi COP21 sul clima pesano sul futuro dell’umanità. Equivalgono a una dichiarazione di guerra generalizzata.
    Che ne sarà delle risorse naturali e della sopravvivenza dei popoli?
    Rodrigo Rivas
  • TESTIMONI

    Il soffio del profeta

    Arturo Paoli. Anzi, fratel Arturo, il Giusto fra le nazioni. Si è spento un anno fa.
    E lo ricordiamo anche per la sua tenerezza, la sua vita al servizio degli altri e del Vangelo, nel tumultuoso Novecento.
    Francesco Comina
  • EDITORIALE

    La banalità del male

    Nicoletta Dentico
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62