Ricadute

8 novembre 2016 - Renato Sacco

“Sì, ma lei deve calcolare anche le ricadute sul civile!”, mi dicevano i responsabili del progetto F-35, il 10 dicembre 2010, all’interno dell’aeroporto militare di Cameri, per giustificare gli investimenti e la ricerca nel settore militare.

L’importante è la ricaduta! Le nostre bombe made in Italy vanno anche in Arabia Saudita, che le usa per bombardare lo Yemen. Tutto regolare secondo i Ministri Gentiloni e Pinotti. Un po’  meno per le Procure di Brescia e Cagliari che hanno aperto un’inchesta sulla spedizione di bombe aeree autorizzata dal governo, prodotte dalla RWM Italia, azienda tedesca del gruppo Rheinmetall con sede legale a Ghedi (Brescia) e stabilimento a Domunovas (Carbonia-Igliesias) in Sardegna.

“La presenza dei militari in Sardegna è una presenza importante per la Difesa del Paese e della stessa Regione, che ha anche delle ricadute economiche in quel territorio che devono essere tenute in considerazione” così diceva la Ministra Pinotti lo scorso 29 giugno. È vero, non parlava della fabbrica di Domunovas ma della caserma di Patrosardo a Nuoro.

Ma il concetto di fondo è sempre la ‘ricaduta’.

Così come non si sa per quale ‘ricaduta’, lo scorso 27 ottobre all’Onu - mentre 123 nazioni hanno votato a favore di un Trattato di messa al bando degli ordigni nucleari per il 2017 -  l’Italia ha votato contro!

Ci manca solo che l’Unione Europa decida di finanziare la ricerca militare, per un importo di oltre 3,5 miliardi di Euro nel periodo 2021-2027.

Ci diranno sicuramente che ci sarà una ‘ricaduta’.

Attendiamo spiegazioni dai Ministri Pinotti e Gentiloni. Lo abbiamo chiesto come Pax Christi nei giorni scorsi con un intervento anche del presidente Mons. Giovanni Ricchiuti.

Per ora l’unica ricaduta certa è quella delle bombe che cadono seminando morte e distruggendo vite umane.

Questa è la vera ricaduta,  che ci preoccupa e angoscia.

E spero che il ricordo dei morti di Nassiriya il prossimo 12 novembre non diventi occasione di retorica, ma faccia riflettere tutti sulla vera natura della guerra e delle bombe. Lo dico con profondo rispetto per chi ha perso la vita.

Io ero tra i pochissimi italiani presenti a Baghdad, il 18 novembre 2003, ai funerali, senza le salme, dei soldati italiani uccisi.

La vera ricaduta di una tragedia non può che portare su strade diverse, di pace e nonviolenza.

 

Ultimo numero

Il dio in cui non credo
FEBBRAIO 2017

Il dio in cui non credo

Il Dio in cui crediamo è un altro,
non quello che ha in mente Trump.
Non un dio economico, cioè.
Non il dio delle banconote, dell'esclusione.
Non quello dei muri.
Ma il Padre di tutti.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62