Querele temerarie

29 novembre 2016 - Tonio Dell'Olio

Si chiamano “querele temerarie”. Sono i ricorsi alla giustizia da parte di chi si sente diffamato o semplicemente leso nella propria immagine contro giornalisti che fanno il loro mestiere di inchiesta e informazione. Di fatto sono una forma di minaccia, la possibilità offerta ai potenti di imbavagliare l’informazione chiedendo risarcimenti milionari. Il più delle volte a giornalisti precari che guadagnano 3 euro a pezzo e non hanno alcuna forma di garanzia da parte di una testata cui non sono legati da un contratto che li tuteli. Comportano – tra l’altro - delegittimazione e perdite di tempo. Per queste ragioni nei giorni scorsi la Federazione Nazionale della Stampa ha manifestato davanti a Montecitorio per sollecitare l’approvazione del provvedimento che elimina il carcere per i cronisti come peraltro richiesto dalla Corte di giustizia europea e per varare una norma legislativa che ponga un argine a questo tipo di querele divenute ormai una vera e propria arma contro il giornalismo d’inchiesta e il diritto di cronaca. Si tratta di un fenomeno che si è esteso negli ultimi tempi producendo l’autocensura degli operatori dell’informazione. La minaccia pertanto non è contro i cronisti ma piuttosto contro il diritto dei cittadini ad essere informati, a conoscere, a crearsi un’opinione. Non è un caso che a querelare normalmente siano grandi gruppi industriali e mafiosi notori. Ecco, già solo per aver scritto questo, qualcuno potrebbe querelarmi. Tanto a loro non costa nulla.

Ultimo numero

Apocalisse nucleare?
APRILE 2017

Apocalisse nucleare?

L’obiettivo finale dell’eliminazione totale delle armi nucleari
diventa sia una sfida sia un imperativo morale e umanitario.
Papa Francesco
28 marzo 2017
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • POTERE DEI SEGNI

    Il sogno di Isaia

    Pace e giustizia sono compatibili e componibili tra loro?
    Certo, ma senza guerra.
    Senza questa folle corsa verso gli armamenti più sofisticati.
    Sergio Paronetto
  • CHIAVE D'ACCESSO

    Riconversioni industriali

    Salviamo l’ILVA. Ma in che modo?
    Alessandro Marescotti
  • POTERE DEI SEGNI

    Oltre l’accoglienza

    Chiesa povera: il potere di un segno. Come organizzare la speranza.
    Come restituire alla Chiesa e a noi stessi la coerenza di un messaggio di condivisione e di giustizia?
    Sergio Paronetto
  • PAROLA A RISCHIO

    Le viscere della misericordia

    Quali prospettive per la giustizia oggi?
    Come coniugare sentimenti personali e dimensione comunitaria, identità e alleanze?
    Andrea Bigalli
  • TESTIMONI

    Il soffio del profeta

    Arturo Paoli. Anzi, fratel Arturo, il Giusto fra le nazioni. Si è spento un anno fa.
    E lo ricordiamo anche per la sua tenerezza, la sua vita al servizio degli altri e del Vangelo, nel tumultuoso Novecento.
    Francesco Comina
  • PAROLA A RISCHIO

    Giustizia della riconciliazione

    Siamo tutti ambasciatori e ambasciatrici della riconciliazione. La misericordia smisurata di Dio nei nostri confronti ci impegna a proseguire sulla via della riconciliazione.
    Anne Zell
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62