Querele temerarie

29 novembre 2016 - Tonio Dell'Olio

Si chiamano “querele temerarie”. Sono i ricorsi alla giustizia da parte di chi si sente diffamato o semplicemente leso nella propria immagine contro giornalisti che fanno il loro mestiere di inchiesta e informazione. Di fatto sono una forma di minaccia, la possibilità offerta ai potenti di imbavagliare l’informazione chiedendo risarcimenti milionari. Il più delle volte a giornalisti precari che guadagnano 3 euro a pezzo e non hanno alcuna forma di garanzia da parte di una testata cui non sono legati da un contratto che li tuteli. Comportano – tra l’altro - delegittimazione e perdite di tempo. Per queste ragioni nei giorni scorsi la Federazione Nazionale della Stampa ha manifestato davanti a Montecitorio per sollecitare l’approvazione del provvedimento che elimina il carcere per i cronisti come peraltro richiesto dalla Corte di giustizia europea e per varare una norma legislativa che ponga un argine a questo tipo di querele divenute ormai una vera e propria arma contro il giornalismo d’inchiesta e il diritto di cronaca. Si tratta di un fenomeno che si è esteso negli ultimi tempi producendo l’autocensura degli operatori dell’informazione. La minaccia pertanto non è contro i cronisti ma piuttosto contro il diritto dei cittadini ad essere informati, a conoscere, a crearsi un’opinione. Non è un caso che a querelare normalmente siano grandi gruppi industriali e mafiosi notori. Ecco, già solo per aver scritto questo, qualcuno potrebbe querelarmi. Tanto a loro non costa nulla.

Ultimo numero

Il dio in cui non credo
FEBBRAIO 2017

Il dio in cui non credo

Il Dio in cui crediamo è un altro,
non quello che ha in mente Trump.
Non un dio economico, cioè.
Non il dio delle banconote, dell'esclusione.
Non quello dei muri.
Ma il Padre di tutti.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62