Accoglienza contagiosa

6 dicembre 2016 - Tonio Dell'Olio

Nicla di Arezzo abita in una casa di 50 metri quadri con suo figlio adolescente. Nicla è precaria e soffre di una malattia rara. Nicla tempo fa ha conosciuto Souleyman Tandia, 19 anni, proveniente dal Mali che ha ottenuto un permesso di soggiorno per motivi umanitari, ma nel frattempo ha completato il periodo di accoglienza nella struttura che lo ospitava. E così Nicla ha deciso di fargli spazio a casa sua aggiungendo un letto nella stanza del figlio che ha accettato di buon grado. E siccome la solidarietà vive di cerchi concentrici, Nicla adesso spera che qualcuno possa offrire a Souleyman un lavoro come contadino o allevatore dal momento che nel suo Paese lavorava in una fattoria. Piccolo segno di un’accoglienza diffusa che oggi in Italia sta funzionando molto meglio delle grandi strutture. Per questo Nicla ha lanciato un appello sui social per accettare vestiti invernali e aiuti per il vitto: “Voglio che il mio gesto sia un piccolissimo passo per sconfiggere la paura del migrante, sono stufa di questo clima di diffidenza, intolleranza e sospetto”. Mettiamoci in gioco, sembra dire, per riscoprire una solidarietà contagiosa.

Ultimo numero

Apocalisse nucleare?
APRILE 2017

Apocalisse nucleare?

L’obiettivo finale dell’eliminazione totale delle armi nucleari
diventa sia una sfida sia un imperativo morale e umanitario.
Papa Francesco
28 marzo 2017
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • GHETTI

    Amadou e il suo sogno

    Il sogno di questo giovane ragazzo del Gambia è di fare il calciatore. O, se possibile, di studiare informatica. Invece è finito nel ghetto Ghana, in Puglia.
    Elisabetta Tusset
  • PRIMO PIANO LIBRI

    Non ho più tempo

    Un romanzo storico che racconta di guerra e di amore.
    Due facce, opposte tra loro, di un sentimento che anima la vita: la passione.
    Incontro con l’autore.
    Intervista a cura di Giulio Di Luzio
  • PAROLA A RISCHIO

    Le viscere della misericordia

    Quali prospettive per la giustizia oggi?
    Come coniugare sentimenti personali e dimensione comunitaria, identità e alleanze?
    Andrea Bigalli
  • PAX CHRISTI

    Tempo di ponti

    Non muri, ma ponti. Anche al Brennero.
    Cronaca di un’altra Europa che chiede incontro tra popoli.
    Renato Sacco
  • PAROLA A RISCHIO

    Cittadinanza globale

    In che modo siamo chiamati a testimoniare la misericordia nella dimensione globale in cui viviamo?
    Mons. Giovanni Giudici
  • SOLIDARIETÀ

    Ghetto Ghana

    Nelle periferie italiane esistono ghetti di ogni tipo.
    Dove l’umanità non ha diritti né dignità. E neanche case e servizi igienici.
    Ecco il progetto di alcuni giovani volontari che desiderano offrire il proprio aiuto.
    Giulio Di Luzio
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62