Fondo per l’Africa

2 febbraio 2017 - Tonio Dell'Olio

Il ministro degli esteri ha presentato ieri alla stampa il “Fondo per l’Africa”. Si tratta di un progetto di cooperazione internazionale da 200 milioni di euro e tutti ci saremmo aspettati che potessero servire a creare sviluppo almeno in alcuni Paesi di quel continente. E invece leggo il virgolettato del ministro dal sito della Farnesina: "200 milioni per cooperazione su contrasto a immigrazione irregolare per fermare le partenze e stroncare il traffico di esseri umani. Con questo decreto abbiamo dato il via ad alcune misure necessarie e strategiche per il rafforzamento della frontiera esterna e per il contrasto ai flussi di migranti irregolari. È un grande passo in avanti, decisivo nell’impegno del governo italiano per il raggiungimento degli obiettivi di stabilità e sicurezza, in Italia e in Europa”. Dunque si tratta di soldi destinati a polizia e forze dell’ordine di Libia, Tunisia e Niger perché facciano il lavoro sporco per noi. Ricaccino indietro i disperati che scappano dalla fame o dalle persecuzioni o dalle guerre. E lo facciano lontano dai nostri occhi, non importa con quali metodi, in modo che l’ipocrisia della nostra coscienza resti illibata. I racconti che ascolto degli immigrati africani che passano per quei paesi sono raccapriccianti e parlano di stupri, pestaggi, violenze e uccisioni operate anche dalla stessa polizia. D’ora in poi lo faranno con i nostri soldi che non serviranno ad aiutare l’Africa ma piuttosto noi stessi. La chiamano cooperazione internazionale ma è un fondo per l’Italia e per l’Europa e non certo per l’Africa. Almeno il pudore di cambiargli nome!

Ultimo numero

Apocalisse nucleare?
APRILE 2017

Apocalisse nucleare?

L’obiettivo finale dell’eliminazione totale delle armi nucleari
diventa sia una sfida sia un imperativo morale e umanitario.
Papa Francesco
28 marzo 2017
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • DIRITTI

    Bancarotta dell’umanità

    Il diritto di uguaglianza e la pari dignità di tutti così come è garantito nella Carta costituzionale: riparliamone per rilanciarne il dibattito sulla sua concreta attuazione, non solo come principio, ma come prassi e percorso politico praticabile.
    Eugenio Pendolini
  • DIRITTI

    Dalla Carta di Algeri a oggi

    La bassa marea della storia, tra sovrani globali e lotte per i diritti.
    A distanza di quarant’anni dalla Dichiarazione Universale per i Diritti del Popoli, parliamo di diritti.
    Nicoletta Dentico
  • DIRITTI UMANI

    La forza del diritto

    Dall’etica ai diritti.
    Per tutti, per ogni persona e per ogni popolo.
    Antonio Papisca
  • STORIA

    Per amore della Polis

    Nonviolenza e politica: un’evoluzione umana.
    Può una politica essere nonviolenta?
    Quale relazione tra il luogo del potere e della potenza per eccellenza e il diritto dei più deboli a una città giusta?
    Enrico Peyretti
  • GIOVANI

    Educare al cambiamento

    Il campo estivo di Amnesty International a Lampedusa. Giovani al servizio dei migranti.
    Jacopo Gandin
  • PAX CHRISTI

    Mediatori in carcere

    Un percorso di formazione alla comunicazione nonviolenta e alla mediazione dei conflitti svolto in carcere.
    Luigi Tribioli
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62