La Chiesa parte civile

14 febbraio 2017 - Tonio Dell'Olio

La costituzione di parte civile nei processi penali è uno strumento di grande civiltà giuridica. Oltre alle vittime dirette, chiunque ritenga di essere stato leso in qualche modo dal reato commesso, può richiedere di essere riconosciuto in quel ruolo, condurre indagini e produrre prove fino alla richiesta di un risarcimento. Nei reati di abusi sessuali e di pedofilia (termine quanto mai inadeguato a definire quel tipo di reato!) commessi da preti è l’intera comunità cristiana a subire danni gravissimi non tanto alla propria immagine quanto alla stessa missione e alla credibilità dell’annuncio evangelico che intende proporre. Per questa ragione le diocesi in cui si verificano questo tipo di crimini o atti di violenza da parte di ecclesiastici, devono costituirsi parte civile. Sarebbe un segno esplicito e inequivocabile da parte della comunità cristiana di volersi schierare decisamente dalla parte delle vittime. Non so se finora si sia mai verificato un caso di questo tipo, ma ritengo che possa diventare quello più efficace ed eloquente. Poi ci sarà tutto il tempo per usare misericordia nell’accompagnamento fraterno delle vittime stesse compreso lo stesso prete, a suo modo anche lui vittima, ma intanto la Chiesa faccia capire a tutti da che parte sta. La violenza, da chiunque sia commessa, non può trovare giustificazioni, compromessi, silenzi e men che meno complicità. Prima che il codice penale, lo insegna il Vangelo.  

Ultimo numero

Don Milani e la coscienza
LUGLIO 2017

Don Milani e la coscienza

Ridare ai poveri la parola,
perché senza la parola
non c’è dignità e quindi
neanche libertà e giustizia:
questo insegna don Milani.
Papa Francesco
Barbiana, 20 giugno 2017
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62