Berta Caceres un anno dopo

2 marzo 2017 - Tonio Dell'Olio

Un anno è passato dall’assassinio di Berta Caceres che nei media è descritta semplicemente come un’attivista ambientalista honduregna e invece è la voce di un popolo, l’anima di una comunità indigena figlia della Madre Terra e, per questa, disposta persino a dare la propria vita. Mistica e politica in lei si sono fuse in un abbraccio profondo e totale perché antica è la cultura indigena che fonde il proprio destino a quello dell’aria, dell’acqua e della terra minacciate oggi dall’attività estrattiva, dall’inquinamento degli scarti industriali, dall’uso indiscriminato e incontrollato di pesticidi, dall’imposizione di monocolture che annientano la biodiversità e le colture tradizionali, dalla costruzioni di dighe imponenti che deviano i corsi d’acqua dai bacini tradizionali. Una storia contemporanea di terre sottratte e ferite ma anche di diritti calpestati da multinazionali potenti alleate con governi compiacenti e corrotti. Ricordare Berta Caceres significa fare memoria di tutto questo. Significa gridare in faccia al mondo intero che in America Latina gli ambientalisti pagano un prezzo altissimo e che nel solo piccolo Honduras dal 2010 ad oggi sono stati 123 i difensori della terra uccisi dalle mafie locali assoldate dalle mafie multinazionali. Ultimo in ordine di tempo Isindro Baldenegro Lóopez, fattore e capo dei Tarahumara, popolazione indigena del Nord del Messico, ucciso il 15 gennaio scorso. Con tutti loro abbiamo contratto un debito che potremo estinguere solo parzialmente se da quest’altra parte del mondo facciamo pressione sulle multinazionali dello scempio ambientale di cui siamo noi a consumare i prodotti e incassare gli utili.

Ultimo numero

Apocalisse nucleare?
APRILE 2017

Apocalisse nucleare?

L’obiettivo finale dell’eliminazione totale delle armi nucleari
diventa sia una sfida sia un imperativo morale e umanitario.
Papa Francesco
28 marzo 2017
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • TEATRO

    En nombre de Dios

    Un nuovo spettacolo multimediale dedicato a Oscar Romero, a cura del gruppo New Eos di Bolzano.
    A cura di Rosa Siciliano
  • OSCAR ROMERO

    Storia e lotte di un popolo

    Un Musical su Oscar Romero, a cura delle compagnie riunite del Teatro San Giustino di Roma. Intervista all’autore Luca Pandolfi.
    Intervista a cura di Anselmo Palini
  • GHETTI

    Amadou e il suo sogno

    Il sogno di questo giovane ragazzo del Gambia è di fare il calciatore. O, se possibile, di studiare informatica. Invece è finito nel ghetto Ghana, in Puglia.
    Elisabetta Tusset
  • MOVIMENTI

    Fuori dalla guerra globale

    È urgente una riflessione seria sulla necessità di una neutralità vera.
    Quale modello perseguiamo nelle relazioni tra Stati in un tempo di guerra globale?
    Francesco Martone
  • CHIAVE D'ACCESSO

    Le mani sul verde

    I retroscena della Foresta Amazzonica.
    Il premio alla peggior multinazionale.
    Alessandro Marescotti
  • COOPERAZIONE

    La riconciliazione mancata

    L’Uganda, le risorse contese, i conflitti armati, la povertà.
    E il microcredito. Intervista a suor Dorina Tadiello.
    Intervista di Giulia Ceccutti
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62