A scuola dagli alunni

7 marzo 2017 - Tonio Dell'Olio

“A partire da oggi con effetto immediato, gli alunni con entrambi o anche solo un genitore di origine non italiana seguiranno le lezioni scolastiche in un’aula diversa rispetto a quella del resto della classe”. Firmato: Ferdinanda Chiarello, dirigente scolastica con tanto di timbro su carta intestata e numero di protocollo. È successo in una scuola media di Vercelli, ma si trattava di una simulazione nella Giornata dedicata alla Memoria dei Giusti. Per renderla attuale, per non archiviare quei fatti negli scaffali impolverati del passato. Ma la reazione degli studenti è stata eccezionale (o naturale?). Alcuni hanno impedito fisicamente che gli amici stranieri lasciassero la classe, altri hanno cominciato ad organizzare la protesta, altri ancora hanno organizzato una delegazione che andasse ad incontrare la preside e il provveditorato… Si sono calmati solo quando i docenti hanno riferito che si trattava di un esperimento sociale per valutare la loro reazione, dal momento che questo è storicamente avvenuto in Italia per effetto delle leggi razziali. E così si sono ribaltati i ruoli. Siamo noi oggi, con i docenti di quella scuola, ad andare a lezione dagli alunni. Così come è avvenuto nella Cittadella di Assisi dove ieri, per due ore e mezza, i 600 alunni del Liceo Classico Properzio hanno seguito in un silenzio commosso e partecipato la testimonianza di Sami Modiano, uno dei pochi sopravvissuti di Birkenau e Auschwitz ancora viventi. Sono puliti, semplici, naturali, questi ragazzi che nella propria coscienza coltivano i rovi dell’indignazione e i fiori della speranza di un modo migliore di questo. Bisogna solo provare a dissodare il terreno. 

Ultimo numero

Identità maschile
MAGGIO 2017

Identità maschile

Essere uomini oggi: cosa cambia?
Fragilità e stereotipi, ruoli ed emozioni,
in una società complessa e fluida:
è tempo di ridefinire un’identità di genere plurale.
È tempo di scrivere relazioni nuove e più autentiche.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • Pescatori di uomini nel Mediterraneo

    27 aprile 2017 - Tonio Dell'Olio
  • MINORANZE

    La questione zingara

    Un capitolo dello sterminio nazifascista è dedicato al porrajmos: il genocidio di rom e sinti nei campi di concentramento. Ricordare è un dovere.
    Arturo Gianluca Di Giovine
  • GHETTI

    Amadou e il suo sogno

    Il sogno di questo giovane ragazzo del Gambia è di fare il calciatore. O, se possibile, di studiare informatica. Invece è finito nel ghetto Ghana, in Puglia.
    Elisabetta Tusset
  • MIGRANTI

    Terra di nessuno

    Racconto di un giovane volontario in uno dei tanti luoghi che raccolgono migranti in cerca di fortuna, in fuga da guerre e miserie. E che si scontrano con i nostri muri.
    Francesco Scardaccione
  • MINORANZE

    Il nonno, Youtube e l’America

    In Iraq i nemici degli ezidi sono tanti. non solo Daesh, né solo gli Usa. apriamo una finestra su una delle tante minoranze etniche dimenticate dall'umanità e abbandonate ai loro genocidi.
    Stefano Nanni
  • PAX CHRISTI

    Tempo di ponti

    Non muri, ma ponti. Anche al Brennero.
    Cronaca di un’altra Europa che chiede incontro tra popoli.
    Renato Sacco
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62