Quando parliamo di agromafie

13 marzo 2017 - Tonio Dell'Olio

Ho partecipato a un seminario di studi presso il Dipartimento di Agraria dell’Università di Perugia. Era organizzato con la collaborazione di tre differenti dipartimenti: Agraria, Scienze politiche e Giurisprudenza. Alla luce de “Le nuove mafie nel sistema agro-alimentare” si era chiamati ad approfondire tutti gli aspetti delle cosiddette agromafie, ovvero delle infiltrazioni mafiose nel ciclo dell’alimentazione, dal caporalato allo smaltimento dei rifiuti, dal controllo della distribuzione e dei mercati ortofrutticoli alle frodi ai danni delle istituzioni europee, dalle contraffazioni alle italian sound (parmesan…). E in effetti l’illustrazione dei temi è stata ricca e pressoché esauriente anche con l’aiuto di Giancarlo Caselli. Ma non c’è stata alcuna incursione su quanto avviene all’estero, nei Paese più poveri, quelli da cui saccheggiamo materie prime, quelle che sono oggetto del landrabbing (accaparramento delle terre), quelli in cui imponiamo coltivazioni e produzioni di cui noi abbiamo bisogno, ma che comportano la distruzione di biodiversità e coltivazioni tradizionali che servirebbero alla sopravvivenza alimentare delle popolazioni indigene. E non sono che alcuni esempi dello scempio che avviene quotidianamente in giro per il mondo ad opera di multinazionali dai comportamenti mafiosi e di aziende che si servono di mafie locali. Ancora una volta paghiamo il dazio di un provincialismo (a volte persino interessato) che nella sua miopia rischia di sostenere esattamente quei comportamenti che si vuole condannare.

Ultimo numero

Identità maschile
MAGGIO 2017

Identità maschile

Essere uomini oggi: cosa cambia?
Fragilità e stereotipi, ruoli ed emozioni,
in una società complessa e fluida:
è tempo di ridefinire un’identità di genere plurale.
È tempo di scrivere relazioni nuove e più autentiche.
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • Pio La Torre

    26 aprile 2017 - Tonio Dell'Olio
  • 21 marzo Giornata nazionale
    MAFIE

    21 marzo Giornata nazionale

    È legge. È nazionale la Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime di mafia. Perché dal dolore dei familiari nasce la speranza.
    E l’impegno di tutti nella lotta alle mafie.
    Tonio Dell’Olio
  • PRIMO PIANO LIBRI

    Pio La Torre

    Nelle pagine di un libro, nelle parole del figlio, la vita, l’impegno e il coraggio civile e umano di un grande testimone della lotta alla mafia.
    Gina Abbate
  • PROGETTI

    Quanto vale un pomodoro

    L’esperienza di una cooperativa sociale nella trasformazione di un luogo agricolo da lavoro sommerso a opportunità occupazionali serie.
    Pietro Fragasso
  • INIZIATIVE

    Frammenti di Lea

    Giovani e lotta alla criminalità.
    Perché la legalità sia un indiscusso valore civico, in Basilicata si ricorda Lea Garofalo.
    Anna Rotundo
  • CHIESA

    Peccati di mafia

    La mafia è una struttura di peccato? Perché?
    Se lo chiede Rosario Giuè nel suo nuovo libro su Chiesa e potere mafioso.
    Abbiamo intervistato l’autore.
    Rosa Siciliano
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62