Mattarella familiare di vittima di mafia

20 marzo 2017 - Tonio Dell'Olio

"Tutta l'Italia vi deve solidarietà per il vostro dolore, rispetto per la vostra dignità, riconoscenza per la vostra compostezza, sostegno per la vostra richiesta di verità e giustizia. Per questo desidero dirvi che le vostre ferite sono inferte al corpo di tutta la nostra società, di tutta l'Italia". Lo ha detto il Capo dello Stato Sergio Mattarella rivolgendosi a familiari delle vittime innocenti di mafia che ha incontrato a Locri per la giornata della Memoria di Libera. "Voi - ha aggiunto Mattarella, a sua volta familiare di vittima di mafia - portate il carico maggiore della violenza mafiosa. Il ricordo dei vostri morti, martiri della mafia rappresenta la base sulla quale costruiamo, giorno dopo giorno, una società più giusta, solidale, integra, pacifica. Partecipando, oggi qui a Locri o altrove, in altre manifestazioni per la legalità e contro la mafia, date una testimonianza morale e civile di come la violenza, la sofferenza, la morte e la paura non possono piegare il desiderio di giustizia e di riscatto. Vi ringrazio per il vostro coraggio". (www.libera.it)

Ultimo numero

Apocalisse nucleare?
APRILE 2017

Apocalisse nucleare?

L’obiettivo finale dell’eliminazione totale delle armi nucleari
diventa sia una sfida sia un imperativo morale e umanitario.
Papa Francesco
28 marzo 2017
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

  • PRIMO PIANO LIBRI

    Pio La Torre

    Nelle pagine di un libro, nelle parole del figlio, la vita, l’impegno e il coraggio civile e umano di un grande testimone della lotta alla mafia.
    Gina Abbate
  • POTERE DEI SEGNI

    Il sogno di Isaia

    Pace e giustizia sono compatibili e componibili tra loro?
    Certo, ma senza guerra.
    Senza questa folle corsa verso gli armamenti più sofisticati.
    Sergio Paronetto
  • CHIAVE D'ACCESSO

    Riconversioni industriali

    Salviamo l’ILVA. Ma in che modo?
    Alessandro Marescotti
  • POTERE DEI SEGNI

    Oltre l’accoglienza

    Chiesa povera: il potere di un segno. Come organizzare la speranza.
    Come restituire alla Chiesa e a noi stessi la coerenza di un messaggio di condivisione e di giustizia?
    Sergio Paronetto
  • PAROLA A RISCHIO

    Le viscere della misericordia

    Quali prospettive per la giustizia oggi?
    Come coniugare sentimenti personali e dimensione comunitaria, identità e alleanze?
    Andrea Bigalli
  • TESTIMONI

    Il soffio del profeta

    Arturo Paoli. Anzi, fratel Arturo, il Giusto fra le nazioni. Si è spento un anno fa.
    E lo ricordiamo anche per la sua tenerezza, la sua vita al servizio degli altri e del Vangelo, nel tumultuoso Novecento.
    Francesco Comina
Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62