​Azionariato critico a Berlino

9 maggio 2017 - Tonio Dell'Olio

Un esempio di azionariato critico si sta realizzando in queste ore a Berlino dove è in corso l’Assemblea dei soci della Rheinmetall. Si tratta di un’azienda tedesca che produce armi e che ha una sua propria sede di produzione (RWM) a Domusnovas in Sardegna. Secondo notizie mai smentite dalla stessa azienda, da quello stabilimento sono partiti vari carichi di bombe che hanno armato le forze aeree dell’Arabia Saudita impegnate nei pesanti bombardamenti in Yemen. Le agenzie internazionali calcolano che ad oggi i raid aerei abbiano causato oltre seimila morti (addirittura 10.000 morti tra i civili come riportato da Die Zeit), 2,5 milioni di sfollati e abusi, crimini di guerra, ospedali, scuole, fabbriche e campi profughi bombardati e oltre 1.000 bambini uccisi. Fondazione Finanza Etica, Rete Disarmo e la Ong tedesca Urgewald hanno acquistato un minimo di quote azionarie della multinazionale per consentire ad un proprio rappresentante di prendere la parola in assemblea, informare gli azionisti di quanto sta avvenendo e chiedere spiegazioni circostanziate alla stessa azienda. Maurizio Meggiolaro della Fondazione Finanza Etica è intervenuto e noi speriamo sinceramente che la sua voce che permette alle vittime di essere rappresentate, smova le coscienze dei soci.

Ultimo numero

Nell'era della globalizzazione
NOVEMBRE 2017

Nell'era della globalizzazione

Tutto diventa globale e il “pensiero unico” occidentale si materializza
come intreccio di poteri e forme di dominio…
Nell’arena globale, le multinazionali ricoprono il vuoto lasciato
dallo Stato-nazione e questo è il più grave danno
per ogni sforzo di democrazia.
Noam Chomsky
abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

articoli correlati

Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.4