Dossier

Dossier

Occidente Vs Iraq atto primo
Prima di inviare altri uomini italiani in Iraq,
ricostruiamo la grande tragedia subita
dal popolo iracheno. Una storia
che ha inizio il 17 gennaio 1991.
A cura di Marinella Correggia
e Rosa Siciliano


La guerra è sempre un’avventura
senza ritorno.Declino dell’umanità.
Viaggio all’indietro, alle soglie
della barbarie...
E allora, qualcuno dirà, come si reagisce
di fronte a un dittatore come
Saddam Hussein?
Prima di tutto non bisognava armarlo.
Voi sapete che l’Italia è stata
la più accanita fornitrice
di armi vendute all’Iraq.
... In secondo luogo, a partire dall’embargo, occorreva mettere
in atto tutte le strategie della nonviolenza attiva.
Don Tonino Bello, 1991



Questo dossier è stato realizzato con il contributo della Regione Puglia
    5 Articoli
    • Tempesta nel deserto

      Quando l’Onu si consegnò agli Usa e alla guerra.
      I bombardamenti sull’Iraq della notte tra il 16 e il 17 gennaio 1991 e l’apertura di un doloroso capitolo bellico della storia contemporanea.
      Marinella Correggia
    • Il popolo della pace

      Prima di facebook, di twitter, delle email, dei cellulari, la protesta no war passava per le piazze, di persona in persona. Il 15 gennaio 1991, partiva la resistenza di base alla decisione di bombardare l’Iraq.
      Marinella Correggia
    • Punizione collettiva

      Una sanzione prolungata e feroce, imposta a tutta la popolazione irachena: storia di un embargo. E di chi ne ha subito, ingiustamente, le conseguenze.
      Fabio Alberti
    • La resistenza cattolica

      La Chiesa, la nonviolenza, don Tonino Bello di fronte alla guerra del Golfo.
      Luigi Bettazzi
    • Pacifisti di ieri e di oggi

      A colloquio con Luciana Castellina e Tonio Dell’Olio per rileggere la lunga strada del popolo della Pace, dal 1991 ad oggi. Per capire cosa è oggi il pacifismo. E quali ostacoli incontra.
      Intervista a cura di Fabrizio Truini

    Ultimo numero

    Identità maschile
    MAGGIO 2017

    Identità maschile

    Essere uomini oggi: cosa cambia?
    Fragilità e stereotipi, ruoli ed emozioni,
    in una società complessa e fluida:
    è tempo di ridefinire un’identità di genere plurale.
    È tempo di scrivere relazioni nuove e più autentiche.
    abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

    Ultimi Articoli

    • ULTIMA TESSERA

      Un uomo di Dio

      Il 29 aprile, è morto mons. Diego Bona, che è stato Presidente di Pax Christi Italia dal 1994 al 2002.
      Lo ricordiamo con tanto affetto.
      Tonio Dell’Olio
    • PRIMO PIANO LIBRI

      Le rose di Gerico

      Bambini che raccontano. Violenze, guerre, tratta esseri umani e spose bambine, sfruttamento del lavoro minorile. Eppure è un libro sulla bellezza.
      Da leggere tutto d’un fiato.
      Luigi Pasotti (Punto Pace Pax Christi Catania)
    • PAX CHRISTI

      Pensieri di pace, non di sventura

      Concluso a Roma il Congresso nazionale di Pax Christi Italia.
      Ecco il documento conclusivo.
      A cura di Pax Christi Italia
    • Il bastoncino verde

      Lev Tolstoj e la ricerca religiosa. La sua vita e le sue opere rappresentano un itinerario spirituale
      e la ricerca di equilibrio tra ragione e fede.
      Fabrizio Truini (Cipax )
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62