Dossier

Dossier

Della cura della casa comune
Laudato sí voci dalle periferie del sud del mondo
tra drammi e speranze concrete.
A cura di Tonio Dell’Olio


Viaggio nelle periferie del mondo
per leggere, con gli occhi degli impoveriti,
la Laudato si’.
Accompagnati per mano da testimoni
che vivono ai margini della società
del consumo e del nostro opulento Occidente,
proviamo a cogliere germi di speranza
e buone pratiche ispirate all’enciclica
della conversione ecologica suggerita
da papa Francesco.
Come è stata accolta la Laudato si’
in Africa, in Asia e in America del Sud?


    6 Articoli
    • Eco delle vittime

      Eco delle vittime

      Come è stata recepita l’enciclica Laudato Si’ da coloro che vivono in condizioni di sopravvivenza per effetto di un sistema economico che uccide senza scrupoli?
      Quali trasformazioni ha messo in moto la parola di Francesco?
      Tonio Dell’Olio
    • Dal cuore dell’Africa

      Conversione ecologica, in un contesto ambientale a volte crudele e orientato a incorrere un modello di sviluppo imposto dalla nuova colonizzazione economica.
      Federico Gandolfi
    • Buone pratiche sostenibili

      Il modo di vivere delle popolazioni indigene in Asia può dare al mondo una grande lezione su come vivere in armonia con la natura. La terra è in prestito.
      Ms. Uchacha A-Chak (Usha)
    • Una rivoluzione culturale

      La necessità di ritrovare un’armonia autentica e globale con la madre terra parte dall’opzione per i poveri.
      Dalla scelta di stare dalla parte degli impoveriti, degli esclusi dai beni che Dio ha donato a tutti.
      Luis Infanti Della Mora
    • La traduzione guatemalteca

      La Laudato si’ e la sua applicazione in Guatemala.
      In preparazione un documento che tracci linee concrete di azioni possibili dell’enciclica di papa Francesco. Alla portata di tutti.
      Alvaro Ramazzini
    • Un lavoro di rete

      Nella patria di papa Francesco c’è un fermento nuovo che investe Chiese e società civile per rendere concrete le sfide della Laudato si’. Intervista a Gustavo Vera, presidente della Fundación Alameda, parlamentare di Buenos Aires e Consultore della Pontificia accademia di scienze sociali.
      Intervista a cura di Tonio Dell’Olio

    Ultimo numero

    Il dio in cui non credo
    FEBBRAIO 2017

    Il dio in cui non credo

    Il Dio in cui crediamo è un altro,
    non quello che ha in mente Trump.
    Non un dio economico, cioè.
    Non il dio delle banconote, dell'esclusione.
    Non quello dei muri.
    Ma il Padre di tutti.
    abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

    Ultimi Articoli

    • Gli occhi di Bauman
      ULTIMA TESSERA

      Gli occhi di Bauman

      È morto nella sua casa di Leeds in Inghilterra uno dei più importanti sociologi del nostro tempo. L’analisi della modernità con le sue derive nichiliste ci accompagneranno per molto tempo.
      Francesco Comina
    • Una strage di innocenti
      PAROLA A RISCHIO

      Una strage di innocenti

      “Ero forestiero e mi avete o non mi avete accolto”: periferie umane, a torto considerate tali.
      E periferie politiche. Che escludono. Che non vedono.
      Pierluigi Di Piazza (Centro Balducci – Zugliano)
    • Della cura della casa comune
      FEBBRAIO 2017

      Della cura della casa comune

      Laudato sí voci dalle periferie del sud del mondo tra drammi e speranze concrete.
      A cura di Tonio Dell’Olio
    • Il dio in cui non credo
      FEBBRAIO 2017

      Il dio in cui non credo

      Il Dio in cui crediamo è un altro,
      non quello che ha in mente Trump.
      Non un dio economico, cioè.
      Non il dio delle banconote, dell'esclusione.
      Non quello dei muri.
      Ma il Padre di tutti.
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.4.1.62