Sabato, 2 Ottobre 2021, ore 16

Diretta Facebook: https://www.facebook.com/PaxChristiIT

Pax Christi International da alcuni anni si è fatta promotrice di una iniziativa cattolica per la Nonviolenza Attiva. In particolare, ha organizzato due incontri in Vaticano e realizzato un ampio documento sul tema.
A breve, un nuovo documento verrà presentato a livello internazionale con l’intenzione di fornire un manuale pratico a tutti i responsabili politici e i promotori di politiche sociali, a livello locale e nazionale.
In tale occasione, Pax Christi Italia invita le organizzazione e le associazioni attive su questo tema a incontrarsi per creare una Nuova Alleanza che si occupi della promozione della Nonviolenza Attiva in Italia.

Interventi programmati, della durata di 5 minuti ciascuno:

Marie Dennis, già co-presidente del movimento internazionale, presenterà il quadro generale e lo stato dell’arte dell’iniziativa.
Don Renato Sacco, coordinatore di Pax Christi Italia, racconterà il ruolo avuto dalla sezione italiana e dell’udienza privata con Papa Francesco.
Alice Kooij, della segreteria internazionale di Bruxelles, illustrerà il nuovo documento.
Massimo Ferè, già consigliere nazionale di Pax Christi Italia, esporrà le ragioni che spingono a promuovere questa proposta in questo momento storico.
Sami Basha, fondatore di American University of Sicily, allargherà lo sguardo a tutta l’area del mediterraneo.
Sonia Zuccolotto, del consiglio nazionale di Pax Christi Italia, esporrà il progetto educativo per le scuole, denominato ‘Scuole smilitarizzate’.
Giuliana La Spada, direttrice tecnica di Pax Christi Italia, descriverà il progetto di una nuova Scuola d’Innovazione Sociale Per La Pace e lo Sviluppo della Cooperazione Internazionale promossa da Pax Christi con l’Università Lateranense.
Al termine delle relazioni suddette, si aprirà una tavola rotonda fra le associazioni e i movimenti invitati a dare un loro parere e contributo sulla formazione di un Forum con lo scopo di:
Proporsi come interlocutori alle amministrazioni e agli operatori sociali, locali e nazionali.
Definire uno o più gruppi di lavoro per promuovere un piano di azione comune.