"Ci sono di quelli che vogliono sapere solo per sapere ed è spregevole curiosità, ci sono quelli che vogliono sapere solo per mettersi in mostra, ed è spregevole vanità, ci sono quelli che vogliono sapere per vendere la propria scienza, per esempio il denaro o per gli onori ed è turpe commercio, ma ci sono pure alcuni che vogliono sapere per educare, ed è carità. Parimenti alcuni vogliono sapere per educarsi, ed è prudenza. Di tutti questi solo gli ultimi due non cadono nell'abuso della scienza proprio perchè essi vogliono sapere per fare del bene".

Con questa citazione di San Bernardo di Chiaravalle, sono a presentarvi Spazio Spadoni, una realtà nata un anno fa, nel suggestivo scenario del Convento di San Cerbone a Lucca, uno spazio di pensiero e di spiritualità dove promuovere il tema della Missione e in particolare della valorizzazione della parola Misericordia. Spazio Spadoni è un luogo di incontro tra esperienze di volontariato e di impegno sociale in Italia e Congregazioni religiose missionarie presenti nel Sud del Mondo in particolare Africa, Asia, Sud America. E così, proprio grazie alla volontà di coniugare l’amore per le Missioni, coinvolgendo le Congregazioni Religiose missionarie e quello per le Misericordie, è nato un progetto concreto denominato Hic Sum (espressione latina che significa “Eccomi”).
Hic Sum è il cuore dell’attività di Spazio Spadoni, che si sviluppa mettendo in contatto una Associazione con una Congregazione Religiosa missionaria femminile. Così una suora, già missionaria in uno dei paesi del Sud del Mondo, viene in Italia presso una Confraternita, per svolgere un periodo di formazione e di servizio ed essere una presenza che diviene segno tangibile di missionarietà tra i volontari e la comunità che la ospita. Lo staff di Spazio Spadoni offre un piano di tutoraggio e affiancamento che prepara, in tutto e per tutto, l’inserimento della missionaria nella Misericordia che ne ha fatto richiesta, e terminata l’esperienza in Italia, la suora torna in terra di Missione e fonda una Misericordia mantenendo vivo il legame con quella di origine. Fin da subito viene promosso un continuo scambio di volontari tra l’Italia e il luogo di Missione e viceversa, generando un vero e proprio gemellaggio tra Misericordia italiana e quella missionaria. In terra di Missione verrà strutturato anche un piccolo panificio artigianale, nella forma di Impresa Sociale locale, denominato “Il Pane di Misericordia” che produrrà pane (o altro alimento base equivalente) da distribuire a coloro che non hanno possibilità di acquistarlo. Un segno concreto dell’opera di misericordia “Dar da mangiare agli affamati”. Il progetto, per i primi cinque anni, è sostenuto integralmente da Spazio Spadoni che seguirà non solo la promozione e il coordinamento di tutte le fasi operative ma si farà anche carico di ogni spesa da sostenere; trascorso questo tempo, Spazio Spadoni continuerà a seguire ed assistere il progetto ma sarà la Confraternita italiana a svolgere il ruolo di protagonista nel supporto e sviluppo della Misericordia gemellata in terra di missione.
L’obiettivo è quello di creare 72 progetti, come 72 sono i popoli creati da Dio.
Siamo davvero entusiasti – dice Luigi Spadoni, Presidente di Spazio Spadoni – del percorso svolto fino ad oggi; in meno di un anno abbiamo preso contatti con circa 60 Congregazioni, coinvolgendo 43 suore in 23 Paesi del Sud del Mondo. Al momento abbiamo 41 progetti Hic Sum che si stanno avviando o sono in fase di strutturazione attraverso il coinvolgimento di oltre 25 Confraternite di Misericordia.
Vi allego alcune foto che raccontano di noi e siamo fiduciosi che possiate aiutarci nel far conoscere questo nuovo e importante progetto sulle vostre riviste.
Per qualsiasi info e richiesta potete visitare il nostro sito www.spaziospadoni.org, oppure potete scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., o telefonare al +39 327 4532134 .
Vi ringrazio per la collaborazione e vi porgo i miei più sinceri saluti.


Ufficio stampa Spazio Spadoni
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
+ 39 328 4360975