Stanley Hauerwas: i protestanti hanno vinto la riforma di Lutero. Allora perché siamo ancora qui? Washington Post, 27 ott. 2017.

Negli anni Cinquanta, Pleasant Grove, Texas (ora a sud-est di Dallas), dove sono cresciuto, era una città bianca della classe operaia in cui i cattolici non esistevano. Per me, gli “altri” religiosi erano battisti del sud, la cui particolarità era riassunta nel loro rifiuto di ballare. Il nostro mondo era un mondo protestante, e io ero un protestante, perché cos'altro sarei stato? Per anni questo sentimento è stato sufficiente. Poi ho iniziato a conoscere il cattolicesimo.
Ho pensato al cristianesimo per tutta la mia vita. Ho trascorso la mia carriera come teologo protestante presso l'Università di Notre Dame e la Duke Divinity School. Ho scritto molti libri di teologia ed etica. Ma ancora non so come pensare al 500 ° anniversario della Riforma protestante. I divorzi (alcune tradizioni cristiane chiamano ancora la rivolta di Lutero "il grande scisma") non devono essere celebrati; lasciano una cicatrice. Il problema è che oggi io, come molti protestanti, non vedo il divario tra noi e i nostri fratelli e sorelle cattolici come particolarmente pronunciato. La separazione che una volta vedevo come predefinita ora ha meno senso per me. Perché non sono cattolico?
La mia prima idea di questo problema intellettuale è iniziata nei primi anni Sessanta con la prima specializzazione in filosofia presso la Southwestern University di Georgetown, in Texas, dove ho avuto la fortuna di avere un insegnante che mi ha guidato attraverso il multi-volume di Frederick Copleston History of Philosophy. Copleston era un gesuita, anche se all'epoca non avevo idea di cosa significasse. Ho iniziato a cogliere la distinzione e la pienezza della tradizione cattolica durante il mio lavoro di laurea presso la Divinity School di Yale. Ho frequentato senza alcuna intenzione di essere ordinato sacerdote; Volevo semplicemente sapere se ciò che credevano i cristiani poteva essere considerato vero. Anche allora, qualcosa sul cattolicesimo sembrava remoto: il Concilio Vaticano II era in corso, il che significava che noi studenti leggevamo teologi cattolici - Rahner, Haring, de Lubac, Congar - su come dovrebbe essere fatta la teologia nella modernità. Ma abbiamo a malapena preso atto della loro fede. Abbiamo anche letto Martin Lutero e Giovanni Calvino, ma li abbiamo considerati pensatori del tardo Medioevo che avevano più cose in comune con Tommaso d'Aquino che con i nostri maestri della scuola di divinità.
In breve, la Riforma ci sembrava "laggiù" e non sentivo il bisogno di difendere il protestantesimo perché raramente mi veniva in mente che essere un protestante fosse tutto ciò che è importante o interessante. L'antagonismo del passato semplicemente non sembrava più rilevante. Erano gli anni Sessanta; siamo stati attratti dalla teologia come parte di un tentativo generale di migliorare il mondo. Il settarismo cattolico-protestante non si sentiva attuale.
Nel 1974 ho sostenuto un colloquio per il mio lavoro come insegnante di teologia a Notre Dame. Le cose andarono bene fino a quando un professore della commissione per le assunzioni non mi chiese cosa volevo insegnare agli studenti laureati. Ho detto che mi sarebbe piaciuto tenere un seminario su Aristotele e d'Aquino. La risposta è stata immediata: "Perché tu, protestante, vuoi tenere un corso su un pensatore cattolico?" “Il cristianesimo non è iniziato nel XV secolo”, ho risposto. Ho sostenuto che l'Aquinate non era un possesso dei cattolici romani, ma una risorsa per tutti i cristiani, protestanti o cattolici.
È stato un piccolo momento, ma in quello scambio ho cominciato a capire che eravamo in un nuovo giorno: cinquecento anni dopo il suo inizio, stiamo assistendo alla fine della Riforma. Il nome stesso "protestante" suggerisce un movimento di protesta mirato alla riforma di una chiesa che ora porta il nome di cattolicesimo romano. Ma la realtà è che la Riforma ha funzionato. La maggior parte delle riforme che i protestanti volevano che i cattolici facessero sono state fatte. (Le indulgenze non vengono più vendute, per esempio.) Alcune denominazioni protestanti potrebbero ancora essere anticattoliche (si consideri l'affermazione del pastore evangelico Robert Jeffress, recentemente pubblicizzata, che il cattolicesimo ha origini sataniche), ma l'idea originale che i cattolici aderiscano a una perversione legalistica del cristianesimo che non ammette la libera grazia di Dio è raramente visto, in questi giorni, come la differenza protestante dal cattolicesimo. Nel corso del tempo, gli storici ci hanno aiutato a capire che la Riforma non si caratterizza con un punto preciso, ma che se c'era una singola caratteristica nel suo cuore, era il recupero della centralità di Cristo per dare significato al fatto che i cristiani non sono di casa in questo mondo. Quell'enfasi si è rivelata essere l'intuizione principale che ha plasmato il lavoro del Vaticano II, il che significa che i cattolici hanno superato la spinta principale della Riforma.
Il fatto che la Riforma sia stata un successo, tuttavia, ha messo in crisi il protestantesimo. Vincere è pericoloso: cosa fai dopo? Torni alla Chiesa Madre? Sembra di no: piuttosto, il protestantesimo è diventato fine a se stesso, anche se da un punto di vista protestante sarebbe difficile spiegare perché dovrebbe esistere. Il risultato è il denominazionalismo in cui ogni Chiesa protestante cerca di essere abbastanza diversa dalle altre chiese protestanti per attirare una quota maggiore di un mercato di fedeli sempre più decrescente [negli USA tutte le chiese sono finanziate solo dai loro fedeli]. È una situazione sconcertante.
Ma sono ancora protestante, anche se non sono sicuro di sapere cosa dico quando dico di essere protestante. Posso pensare alla mia vita solo come a un movimento ecumenico vivente: sono cresciuto metodista, ho insegnato luterani (Augustana College), sono stato sovrastato dal mondo cattolico, sono stato profondamente influenzato dai Mennoniti e infine sono tornato dai metodisti a Duke. Tutto ciò, ovviamente, significa che ho finito per seguire la Chiesa Episcopale della Sacra Famiglia a Chapel Hill, NC. Oggi sono un teologo definito più dal luogo dove ho frequentato la scuola di specializzazione [cattolica] che da qualsiasi altra tradizione ecclesiale; questo fatto rispecchia i cambiamenti nel mondo protestante - in particolare, il fatto che gli abissi tra le denominazioni sembrano sempre più piccoli. E così anche per l'abisso tra cattolicesimo e protestantesimo.
Sotto l'influenza del grande teologo protestante Karl Barth, l'enfasi sulla centralità di Cristo è stata il segno distintivo del mio lavoro in etica. Eppure, forse è significativo che nel corso degli anni, molti dei miei studenti laureati protestanti sono diventati cattolici romani. (hanno attraversato il Tevere così tanti di loro che i miei colleghi scherzavano dicendo che io ero un agente dell'Opus Dei.) Si sono convertiti perché il cattolicesimo è una tradizione teologica intellettualmente ricca, in grado di negoziare meglio le acidità della nostra cultura [protestante]. Prendono anche sul serio che il cattolicesimo romano rappresenta un impegno per l'unità dei cristiani, non solo verso i cristiani non cattolici ma tra i poveri e coloro che non sono poveri.
Ho visto questi studenti unirsi alla Chiesa cattolica nel corso degli anni. Non hanno torto. Eppure, resto protestante. È difficile per me spiegare perché è così. Senza dubbio ci sono molte ragioni, non ultima quella di essere sposata con una donna pastora. Ma rimango protestante anche perché sono convinto che il cambiamento in corso di cui la chiesa ha bisogno significa che alcuni di noi devono essere protestanti per mantenere i cattolici onesti sulla loro rivendicazione del titolo di vera chiesa cattolica. La Riforma potrebbe volgere al termine, ma la riforma nella chiesa non finisce mai, richiedendo ad alcuni di stare fuori a guardare dentro.