Non è una novità, l’idea che gli stranieri siano un peso per la società e un pericolo per la coesione nazionale prende sempre più piede. Mentre la crisi economica colpisce le famiglie più modeste e l’Europa è in preda a una forte spinta xenofoba, lo straniero fa paura.

Sempre che non sia la sua povertà a spaventare, riflesso delle nostre ansie e del nostro egoismo. Gli altri migranti si sono proiettati senza scelta al centro dei nostri dibattiti politici o elettorali, spesso oggetto di manipolazioni perverse, in un clima populista e volontariamente stigmatizzante. La migrazione non è mai presentata come un’opportunità o una fonte di ricchezza, che reca beneficio non solo a chi migra, ma anche ai Paesi di partenza e a quelli che lo accolgono. Ogni volta che si presenta un appuntamento elettorale, allo straniero viene attribuito il ruolo di capro espiatorio, responsabile dei nostri deficit sociali, approfittatore del sistema, lontano dalla nostra cultura e dai nostri valori. Non si tratta di essere a favore o contro. Ci sono dei fatti, delle vie tragiche e delle storie umane, spesso dei vicoli ciechi. Ci sono anche la solidarietà e le realtà geopolitiche.
Non dimentichiamoci che non si lascia mai il proprio Paese per piacere. Lo si fa per sopravvivere, per uscire dalla povertà, trovare un posto inaccessibile a casa, ottenere una formazione, offrire un futuro ai propri bambini. Lo si fa con la speranza di una vita migliore, per non ritornare più, ma spesso per ritrovare il proprio Paese, fiero della sua riuscita.
Pertanto, dopo trent’anni, da quando il mondo è diventato uno spazio di libera circolazione sia per l’uomo che per i beni, la nostra società è incapace di proporre una posizione coerente e innovativa sull’immigrazione. Da un lato, molti migranti accettano occupazioni non previste per la popolazione locale, spesso in cambio di salari inferiori e prestazioni sociali minori, dall’altro molti migranti altamente qualificati sono impiegati nel loro settore di specializzazione e formazione, portando, attraverso l’impiego di cui si occupano, un contributo alle società che li accoglie. Gli altri possono essere percepiti come una minaccia per questa società, soprattutto se procurano molto denaro, se partecipano nelle aziende locali o le riscattano. Cambiare opinione sulla migrazione e sui migranti è una delle sfide più importanti degli anni a venire.
Si tratta di accettare i migranti come una chance per la nostra società.
Dobbiamo cambiare il nostro modo di vedere la migrazione che può essere considerata come opportunità e non come un pericolo. Non facendo la scelta di ripiego, ma osando l’incontro e il rischio della complessità. Coltiviamo questa speranza.

CORRIERE DEL TICINO 31/10/2023
GIORNALE DEL CANTON DELLA SVIZZERA ITALIANA

 


Mosaico di pace, rivista promossa da Pax Christi Italia e fondata da don Tonino Bello, si mantiene in vita solo grazie agli abbonamenti e alle donazioni.
Se non sei abbonato, ti invitiamo a valutare una delle nostre proposte:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/abbonamenti
e, in ogni caso, ogni piccola donazione è un respiro in più per il nostro lavoro:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/altri-acquisti-e-donazioni