Scrivi le tue riflessioni rispetto agli avvenimenti di attualità o commenta i nostri articoli. In questa sezione pubblichiamo articoli di lettori, amici e simpatizzanti della rivista. Per richieste e pubblicazioni, scrivi in redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

“Se guardo con gli occhi del cuore la mia Città, la vedo lontana da come la desidero e la sogno e, nella notte culturale, collettiva e politica che l’avvolge, la sento invocare un supplemento di amore che risani le sue ferite”. Così, tempo fa scrivevo per una rivista mensile.

Lanza del Vasto nel 1928 si è laureato alla università di Pisa e poi è andato in India dove è stato discepolo di Gandhi. Quando è tornato in Europa ha fondato comunità che cercano di realizzare la non violenza sotto tutti gli aspetti della vita sociale; e anche nella vita intellettuale ha fondato una teoria della non violenza.

Cara redazione, complimenti per il bel numero di Mosaico di Pace sulla non violenza. È ricco di esperienze e di maniere di intendere la non violenza, da destra e da sinistra. Vorrei aggiungere qualche punto per completezza.

 

Cristiano Morsolin è esperto di diritti umani in America Latina dove vi lavora dal 2001.

https://diversidadenmovimiento.wordpress.com/

Edificare la pace esige anche che si eliminino le cause che fomentano guerre. La prima causa sono le ingiustizie. Le disuguaglianze che provocano discordie. Inevitabilmente la pace passa attraverso lo sviluppo e la creazione di condizioni per una più equa distribuzione delle risorse e opportunità di lavoro.

Lanza del Vasto si trovava d’accordo con un solo filosofo, Nicola Cusano (1401-1464), che fu un cardinale, quasi vice Papa, incaricato della riforma della Chiesa in Europa e di missioni di pace; rispose alla caduta di Costantinopoli con il libro De Pace fidei, per auspicare la convivenza pacifica di tutte le grandi religioni: molti riti, un solo Dio.

A partire da Genesi 4, 1-15 – Una parola per Caino

O Dio della pace, all’inizio del nuovo anno civile ti benediciamo riconoscendoci tutti figli e figlie tuoi, parte dell’unica famiglia umana, che ha in te il suo inizio e in te il suo compimento. Creandoci a immagine del tuo Figlio, ci hai chiamati ad essere operatori di pace e promotori di giustizia. Per tuo dono abbiamo lo stesso diritto ad usufruire dei beni della terra, la cui destinazione è universale. 

Le attività-vacanze del GREST per bambine e bambini? Meglio nella grande base USA-NATO di Sigonella, piattaforma per le operazioni di bombardamento con droni o caccia con pilota in Libia e nell’Africa sub-sahariana. Accade in Sicilia, dove a conclusione di un anno scolastico che ha visto decine di istituti ospitare i Marines statunitensi, ci pensano parroci e animatori dei gruppi ricreativi estivi ad ottenere il pass per condurre i propri allievi in visita “educativa” presso la grande installazione bellica.

“Noi ripetiamo ancora una volta a questo proposito: non l’odio, non la violenza sono la forza della nostra carità. Fra le diverse vie verso una giusta rigenerazione sociale, noi non possiamo scegliere né quella del marxismo ateo, né quella della rivolta sistematica, né tanto meno quella del sangue e dell’anarchia. Distinguiamo le nostre responsabilità da chi invece fa della violenza un nobile ideale, un glorioso eroismo, una compiacente teologia. Per riparare errori del passato e per guarire malanni presenti non commettiamo falli nuovi: essi sarebbero contro il Vangelo, contro lo spirito della Chiesa, contro gli stessi interessi del popolo, contro il genio felice dell’ora presente, che è quello della giustizia in cammino verso la fratellanza e la pace”.

La bocca parla di ciò che abbonda il cuore

si legge in Matteo evangelista.

Se dalle nostre bocche, senza freno

 di riflessione e di attenzione,

senza tregua di ripensamento,

fuoriescono parole

impulsive e irriflessive,

dissennate e sconsiderate,

triviali e superficiali,

fallaci e mendaci,

irriverenti  e irridenti,

irrispettose e ingiuriose,

insultanti  e sprezzanti,

rancorose e irose,

aggressive e offensive,

odiose e minacciose,

di cosa abbonda il nostro cuore?

 

"L’immagine è davvero apocalittica, sembra che una bomba sia caduta sopra questa importantissima arteria": così un giornalista ha descritto il ponte Morandi appena crollato a Genova, stroncando la vita di decine di persone.


Mosaico di pace, rivista promossa da Pax Christi Italia e fondata da don Tonino Bello, si mantiene in vita solo grazie agli abbonamenti e alle donazioni.
Se non sei abbonato, ti invitiamo a valutare una delle nostre proposte:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/abbonamenti
e, in ogni caso, ogni piccola donazione è un respiro in più per il nostro lavoro:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/altri-acquisti-e-donazioni