Scrivi le tue riflessioni rispetto agli avvenimenti di attualità o commenta i nostri articoli. In questa sezione pubblichiamo articoli di lettori, amici e simpatizzanti della rivista. Per richieste e pubblicazioni, scrivi in redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ad Arlit la gente beve l’acqua radioattiva. Il titolo dell’articolo su Le Monde non fa che confermare quanto denunciato a suo tempo dalla società civile locale. La ditta francese Areva da oltre quarant’anni estrae l’uranio in questa zona al confine con l’Algeria. La realizzatrice nigerina Amina Weira, intervistata dal giornale francese, è nata e ha vissuto per anni sul posto. Ricorda che da bambina, ancora senza capire, notava l’esistenza di molti problemi di salute.

La mappa dell’Italia che ha votato ritrae soprattutto due fenomeni: paura e povertà. Il centro-nord (Lazio compreso) si è affidato a un nuovo Centrodestra a egemonia leghista: nel nord della Lombardia e del Veneto è oltre il 50%, con la Lega che arriva a punte tra il 33 e il 38% nelle sue zone di insediamento tradizionale; nel Piemonte lontano da Torino il Centrodestra è vicino al 50%, con la Lega meno forte; nel resto del Nord è quasi ovunque oltre il 40%; in Emilia, Toscana e Umbria la percentuale è oltre il 35%; nel Lazio che esclude Roma è al 40%.

Dopo più di un quarto di secolo di carcere duro, sono ormai 15 mesi che sono sottoposto al regime di semilibertà, anche se il mio fine pena rimane, come per tutti gli ergastolani, il 31 dicembre 9.999.

societSogno una Pasqua, dove fiorisce la verità e l’amore per la vita, da globalizzare, ci sia onestà e rispetto per la dignità della persona, favorendo la diffusione di un clima cordiale.

Sogno una Pasqua, dove la luce del sole ci illumina, e, ci unisca nel dire basta armi, sì alla costruzione della pace in ogni angolo del mondo, si scommetta su ideali sani, che aprano la mente e il cuore, per portare calore umano al fratello bisognoso.

Sogno una Pasqua, dove si pratica l’amicizia, con grande volontà la vera solidarietà, valore umano, forte e bello, che porta alle persone armonia, gioia e serenità.

Sogno una Pasqua, dove ognuno pratica il bene e la bontà, fa buone azioni con semplicità, portando con dolcezza una carezza, un abbraccio, un sorriso, ai bambini, vecchi e ammalati, con  umanità.

Sogno una Pasqua, dove ognuno pratica etica morale, ecologica nella fratellanza, segue la luce interiore, da forza per promuovere la globalizzazione dei valori umani, libertà, uguaglianza, giustizia, ci farebbe onore.

Sogno una Pasqua, dove si fanno meno discorsi ma più disposti ad ascoltare le persone che soffrono, con umanità, portare loro dei diritti universali, diritto al cibo, alla salute, all’istruzione, attuando la vera fraternità.

Sogno una Pasqua, dove tutti insieme, con coscienza, ci mettiamo a sognare, ma sopratutto a fare, per far si che arrivi la bella Pasqua, quella che ci fa stare bene ogni giorno insieme, a festeggiare.

Sogno una Pasqua, che ci fa guardare oltre il buio dell’egoismo, per vedere la luce della condivisione con generosità, nel rispetto della dignità dei fratelli e sorelle, e, tutti i cittadini del mondo possano vivere meglio, nell’amore, nella speranza, nella pace con serenità.

 

 

Dietro ogni persona c’è una storia, spesso carica di sofferenze, soprattutto da parte di persone da poco arrivate qui. Se qualcuno con sincera attenzione ponesse loro anche una sola domanda per ascoltarle, ne uscirebbero fiumi di lacrime con lunghi racconti di torture e violenze di ogni tipo che gran parte di coloro che sono arrivati da noi in questi tempi ha dovuto subire anche nel viaggio, oltre che nel Paese d’origine.

Una moglie ferita gravemente, due figlie svegliate dalle urla del padre assassino e uccise in pigiama, poi il suicidio.
La donna aveva chiesto aiuto, ma non l'ha ricevuto, perché ancora si sottovaluta e si tollera la violenza maschilista.

Capitale mondiale dei droni da guerra, base avanzata per le forze speciali e di pronto intervento USA e NATO e, da oggi, anche centro strategico per i programmi di supremazia nucleare planetaria delle forze armate degli Stati Uniti d’America. Segretamente, senza che mai il governo italiano abbia ritenuto doveroso informare il Parlamento e l’opinione pubblica, sta per entrare in funzione nella grande stazione siciliana di Sigonella la Joint Tactical Ground Station (JTAGS), la stazione di ricezione e trasmissione satellitare del sistema di “pronto allarme” USA per l’identificazione dei lanci di missili balistici con testate nucleari, chimiche, biologiche o convenzionali.

Il carcere non è un luogo, ma un buco nero che ti mangia l’anima, il cuore e a volte anche l’amore che abbiamo dentro. (Dialogo tratto dal libro “La Belva della cella 154” di Carmelo Musumeci)
L’articolo di Damiano Aliprandi, pubblicato dal quotidiano “Il Dubbio” il 24 gennaio 2018, sulle “aree riservate”, dove vengono ulteriormente isolati i detenuti già sottoposti al regime di tortura del 41 bis, mi ha fatto pensare all'esperimento svolto nel 1971 in un’università statunitense, diretto dal professore Philip Zimbardo.

Non aveva partecipato ai festeggiamenti per l’indipendenza indiana, dopo averla conquistata con il satyagraha (la forza della verità o nonviolenza), perché la separazione tra India e Pakistan era per lui una grande sconfitta. Gandhi è stato assassinato da un giornalista indù, alla testa di un complotto, che non gli aveva perdonato la sua azione per la riconciliazione religiosa e la sua apertura ai musulmani. Gandhi, che era di religione indù, fu considerato dai fondamentalisti di entrambe le parti come un traditore. Sono passati 70 anni, da quel 30 gennaio del 1948, e il fondamentalismo fanatico pseudoreligioso è ancora un pesante ostacolo per tanti processi di pacifica convivenza.

André ha appena chiamato dalla libertà perduta e ritrovata. Dopo vent’anni di carcere esce libero dal carcere di Kollo non lontano da Niamey. Gli ultimi tempi faceva il contadino nell'orto adiacente al recinto della prigione. Un primo tempo di prova per vedere se riusciva a coltivare la libertà imprestata da poco e smarrita da troppi anni. Ha offerto ai visitatori la migliore lattuga mai vista in giro, assieme a pomodori, melanzane e carote appena spuntate. Era il suo regalo per l’occasione prima di salutarsi per l’ultima visita concessa dal regolamento interno. L’altro amico di cella uscirà lunedì mattina, anche lui dopo vent'anni.

Follie criminali. Segretamente a Sigonella sta per entrare in funzione la Joint Tactical Ground Station (JTAGS), la stazione di ricezione e trasmissione satellitare del sistema di pronto allarme USA per l’identificazione dei lanci di missili balistici con testate nucleari, chimiche, biologiche o convenzionali. Nell’area 465 della base sorgerà il nuovo sito di guerra missilistico e nucleare. Della nuova “ricollocazione” a Sigonella grande felicitazione del Presidente del Consiglio Renzi e della Ministra Pinotti. Il governo italiano pare non abbia ritenuto doveroso informare il Parlamento e l’opinione pubblica. Mister Trump ha annunciato un piano di “modernizzazione” degli arsenali che costerà più di 1.300 miliardi di dollari nei prossimi 30 anni.


Mosaico di pace, rivista promossa da Pax Christi Italia e fondata da don Tonino Bello, si mantiene in vita solo grazie agli abbonamenti e alle donazioni.
Se non sei abbonato, ti invitiamo a valutare una delle nostre proposte:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/abbonamenti
e, in ogni caso, ogni piccola donazione è un respiro in più per il nostro lavoro:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/altri-acquisti-e-donazioni