Scrivi le tue riflessioni rispetto agli avvenimenti di attualità o commenta i nostri articoli. In questa sezione pubblichiamo articoli di lettori, amici e simpatizzanti della rivista. Per richieste e pubblicazioni, scrivi in redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Verso un Trattato che condanna la deterrenza e che sarà ratificabile senza passare per il voto della assemblea generale dell'ONU.

Cari tutti, molti saluti da New York! Jonathan e io siamo arrivati all’ONU per i negoziati sul bando delle armi nucleari, ma altri sono qui da più tempo (Beth, Marie, Mary, Willem, Susi, Jasmin). Inoltre, alcuni di voi seguono da casa gli sviluppi e le informazioni anche per condividerle, quindi è bello dare alcuni aggiornamenti. Sono appena arrivata, ben contenta se altri che sono qui da più tempo potessero anche unirsi a questo messaggio.

La percezione di un’immigrazione montante e drammatica è un dato di senso comune così potente e comunemente accettato da non essere mai posto in discussione. Lo stesso accade per il rapporto tra immigrazione e povertà.

Un'ex detenuta e un ergastolano semilibero si scrivono:  "Avevo già capito che i posti per il paradiso erano pochi, mentre l’inferno era aperto a tutti. E fin da piccolo giurai a me stesso che nella vita avrei lottato con tutte le mie forze per salire in paradiso. Ancora, però, non sapevo che sarei sceso solo all’inferno".
(Dal libro di Carmelo Musumeci “Angelo SenzaDio”)

6° Anniversario di Indipendenza del Sud Sudan

Carissima amica e carissimo amico!  Pace a te! Come stai? Spero bene, e che comunque tu sia sempre in cammino per le strade della vita, nonostante i pesi che essa comporta. Anche questo, tuttavia, è salutare se c’è lo Spirito giusto! In questi ultimi mesi.... 

All’Onu grande successo della comunità civile internazionale e di 122 Paesi disarmisti. Prossimo passo le ratifiche nei vari Stati e l’eliminazione totale delle 15.000 testate esistenti.

Nei prossimi giorni la Camera dei deputati discuterà e probabilmente approverà una nuova legge sulla tortura. Il 14 giugno scorso, al termine di un importante convegno a Roma dal titolo "Legittimare la tortura?", avevamo firmato e diffuso un appello ai parlamentari, per invitarli a non votare il testo uscito dal Senato (e sconfessato dal primo firmatario della versione iniziale, Luigi Manconi), perché confuso, inapplicabile e controproducente. Invitavamo i deputati a tornare alla definizione del crimine scritta nella Convenzione Onu contro la tortura, cioè la versione più seria, equilibrata e condivisa al momento disponibile.

Da tanti mi è stato chiesto di raccontare dove affondano le radici del mio impegno per contribuire ad alimentare la “Fraternità” (nei vari ambiti della vita, nell’agire e pensare politico), così come del perché la intitolazione nella mia città di un Centro al Servo di Dio Igino Giordani. Non è semplice farlo dal momento che dovendo far riferimento a un aspetto religioso della mia vita, ho timore di ferire la sensibilità di amici che si dichiarano atei o di fede rigorosamente laica.

Ad oggi la retorica dell'economia di guerra ha prevalso: basti pensare a quante volte abbiamo sentito dire che questo settore è indispensabile per generare posti di lavoro e creare ricchezza. Eppure gli studi al riguardo ci mostrano esattamente il contrario - come ha affermato Raul Caruso, docente dell'Università Cattolica del Sacro Cuore ed autore del libro “Economia della pace” (ed. Il Mulino) durante l'incontro "Economie di pace - tra scenari globali e scelte quotidiane" organizzato dal Forum trentino per la pace e i diritti umani con il patrocinio morale della regione Trentino Alto Adige.

A volte non vedo un fiore/ sulla collina di Palestina, a rallegrare il giorno
di “Colui che rimane”, accerchiato, assediato, senza acqua, né via.

Ieri sera, una pattuglia dell’esercito nigerino ha aperto il fuoco su un veicolo che trasportava migranti in provenienza da Agadez e in direzione della Libia via Dirkou. Un migrante è stato ucciso e tre altri feriti. Secondo una fonte degna di fiducia, l’autista, pensando ad un attacco di banditi armati, ha rifiutato di obbedire alle ingiunzioni delle forze di sicurezza che gli chiedevano di fermarsi. (La redazione del giornale Air info, basato ad Agadez, il 13 giugno 017).


Mosaico di pace, rivista promossa da Pax Christi Italia e fondata da don Tonino Bello, si mantiene in vita solo grazie agli abbonamenti e alle donazioni.
Se non sei abbonato, ti invitiamo a valutare una delle nostre proposte:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/abbonamenti
e, in ogni caso, ogni piccola donazione è un respiro in più per il nostro lavoro:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/altri-acquisti-e-donazioni