Scrivi le tue riflessioni rispetto agli avvenimenti di attualità o commenta i nostri articoli. In questa sezione pubblichiamo articoli di lettori, amici e simpatizzanti della rivista. Per richieste e pubblicazioni, scrivi in redazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ci sono autori che non invecchiano, non tramontano. Ci sono persone che non muoiono. Perché la forza del loro vivere e del loro credere è stata tale da costruire modelli oltre ogni tempo e spazio.

Il sindacato scoprì l’ambiente
Nel 2001 Mario Agostinelli era segretario della CGIL Lombardia, portò decine di pullman pieni di gente a Genova «in disaccordo con la CGIL nazionale. La nostra era una sfida ai potenti della Terra ma sembrava quasi una grande gita parrocchiale». Il suo percorso personale riassume bene quello dell’ambientalismo italiano di questi vent’anni.

Nella base di Redzikowo in Polonia sono iniziati i lavori per l’installazione del sistema Aegis Ashore, con una spesa di oltre 180 milioni di dollari.

Focus sul tema della cura, esemplificata dal brano evangelico del Buon Samaritano, durante il quarto appuntamento del ciclo di webinar “Sisters Empowering Women” promosso dall’Unione Internazionale delle Superiore Generali (UISG).

Qualifica Autore: Presidente della CLAR

Proteggere la vita deve essere l’orizzonte che ispiri, animi e orienti la nostra consacrazione. La vita è un dono, pieno di possibilità, però anche abitato dalla fragilità e la vulnerabilità, per questo è necessario prendersene cura con attenzione.

Il tema delle scorie radioattive, da quando esiste, per ovvie ragioni tacca le corde più sensibili dell’opinione pubblica. Da diversi anni sono anni si parla della candidatura delle Murge per la localizzazione del sito nazionale di deposito dei rifiuti radioattivi.

Questo libro di Anselmo Palini è sicuramente molto ben documentato; l'autore ha già scritto molto su importanti testimoni del 900 come Dietrich Bohoeffer, Primo Mazzolari, Oscar Romero, giusto per citarne alcuni, testimoni della pace, dell'obiezione di coscienza e i diritti umani.

Qualifica Autore: Ass. Laudato Si’ Milano

10 anni fa una coalizione ampia e determinata ha sancito una vittoria storica nel nostro paese: con 27 milioni di sì ai referendum su acqua, servizi pubblici e nucleare abbiamo costretto a un passo indietro a chi per decenni ha imposto privatizzazioni, estrattivismo e una tecnologia di morte: il nucleare, come dimostrano le vicende di Chernobyl e Fukushima oltre all’ineliminabilità delle scorie radioattive, è per sempre!

Abbiamo approfondito nel numero di Mosaico di pace di novembre 2020 in “Corpi non armati”, la nascita e la storia dei Corpi civili di pace. Vediamo ora un esempio concreto di come queste organizzazioni operano sul campo.
I Corpi civili di pace per quanto possano differire in normativa interna, zone in cui operano e regole di partecipazione vi è indiscutibilmente un principio cardine che li accomuna tutti: l’adesione al principio della nonviolenza, condizione sine qua non per collaborare o partire con questa recente istituzione.

In Cina il partito unico c’è dal dopoguerra, episodi di totalitarismo, come la celebre piazza Tiananmen. Ce ne sono sempre stati, ma ad oggi è ancora più accentuato che il Drago cinese si sia trasformato in un vero e proprio Leviatano di stampo hobbesiano.

Le tante forme di solidarietà fatte nell’emergenza Covid, sono una grande ricchezza di umanità, risorsa che deve essere apprezzata, e che deve avere continuità preservando le sue importanti e belle qualità.