Penso a don Tonino Bello, un grande vescovo pugliese che stava in mezzo al suo popolo e ha lottato con tutte le sue forze per la pace”. Così papa Francesco nella sua intervista a “Il fatto quotidiano” del 12 marzo 2023 subito dopo aver parlato della Chiesa in uscita e della necessità della pace cui si oppone “un’azienda che non conosce crisi, l’industria più grande del mondo: la fabbrica delle armi”.

È bello intrecciare i dieci anni del pontificato di papa Francesco (2013) con i trent’anni che ci separano dalla morte di don Tonino (1993) e con i sessant’anni dalla Pacem in terris (1963) che per i due “amici” costituisce un testo fondamentale, ancora incompreso, da cui ripartire.

Dono e profezia

Forte è il legame fra don Tonino e papa Francesco, evidente non solo nelle numerose citazioni presenti negli interventi bergogliani ma anche nel contenuto tematico e nella modalità espressiva, calda e colloquiale, che lo accompagna. Lo testimoniano, tra l’altro, le riflessioni durante il suo viaggio ad Alessano e a Molfetta il 20 aprile 2018 dove Francesco lo definisce “dono e profezia per i nostri tempi. E Dio desidera che il suo dono sia accolto, che la sua profezia sia attuata

Intime connessioni

Ultimamente, nell’introduzione al libro Contro la guerra. Il coraggio di costruire la pace (Solferino-Lev), Francesco ricorda che “don Tonino amava ripetere che i conflitti e tutte le guerre ‘trovano la loro radice nella dissolvenza dei volti’” (12).  Da parte mia ho ragionato su almeno dodici intime connessioni tra i due, nel mio Amare il mondo Creare la pace. Papa Francesco e Tonino Bello (la meridiana): pace come uscita e cammino, coraggio, grazia dello stupore, responsabilità, sogno di Isaia, comunione nelle differenze, ricerca dei volti, dignità, Trinità, misericordia, profezia, bellezza.

Profeta incompreso

Come uomo di pace e pastore immerso nel suo popolo, aggiunge con rammarico il papa nell’intervista ricordata, “don Tonino è stato un uomo non compreso nel suo tempo perché era molto avanti. Lo si sta riscoprendo oggi. Un profeta! È già venerabile ed è in cammino verso la beatificazione”.

E ancora, suggerendo che la sua sensibilità orante e poetica (creativa) possa connettersi con altre espressioni artistiche, come faceva continuamente in vita, il Papa lo collega a Mr. Rain (Mattia Balardi) e alla sua “Supereroi“, presentata al Festival di Sanremo con un coro di bambini: “Recentemente, hanno ripreso in una canzone anche una sua celebre frase: ‘Noi siamo angeli con un’ala sola. Per volare, abbiamo bisogno di restare abbracciati al fratello, cui prestiamo la nostra ala e da cui prendiamo l’altra ala, necessaria per volare’. Nessuno si salva da solo. Lo abbiamo visto anche con la pandemia”.  Grazie al Papa e grazie a don Tonino per la loro profonda, fresca e dinamica testimonianza, necessaria a tutti noi per essere credenti credibili e creduti.

  @Foto di Salvatore Leopizzi/divieto di riproduzione

Mosaico di pace, rivista promossa da Pax Christi Italia e fondata da don Tonino Bello, si mantiene in vita solo grazie agli abbonamenti e alle donazioni.
Se non sei abbonato, ti invitiamo a valutare una delle nostre proposte:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/abbonamenti
e, in ogni caso, ogni piccola donazione è un respiro in più per il nostro lavoro:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/altri-acquisti-e-donazioni