Altri 1.079 chilometri di disumanità per infrangere contro il cemento e il filo spinato brandelli di fraternità. 1.079 chilometri è la misura del muro turco in costruzione al confine con l'Iran.

Ormai è quasi completato, come ha rivelato ieri la Commissione sulla migrazione del Parlamento turco. Quel confine è il passaggio pressoché obbligato dei disperati che provengono da Afghanistan e Pakistan. Gli stessi che ci commuovono in televisione quando vediamo che qualche timido accenno di ribellione viene soffocato nel sangue dalla feroce dittatura nascosta dietro una religione presa a pretesto. Quel muro è un'altra ferita sanguinante sul corpo della terra. Una vergogna e un peccato, una bestemmia e una sentenza di morte destinata a voltarsi in vendetta. Tutto intorno il silenzio della politica che non riesce a intuire il futuro e pianto di bambini. Ormai c'è un'architettura dei muri come nel passato si sono costruite cattedrali e monumenti che segnano una civiltà. Non rassegniamoci al fatto che  siano quei muri i simboli della nostra.


Mosaico di pace, rivista promossa da Pax Christi Italia e fondata da don Tonino Bello, si mantiene in vita solo grazie agli abbonamenti e alle donazioni.
Se non sei abbonato, ti invitiamo a valutare una delle nostre proposte:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/abbonamenti
e, in ogni caso, ogni piccola donazione è un respiro in più per il nostro lavoro:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/altri-acquisti-e-donazioni