Per quel che può contare vogliamo unire anche la nostra flebile voce a quella di Francesca e Giovanni Dall'Oglio, rispettivamente sorella e fratello di Paolo, che hanno chiesto di dare vita a una Commissione parlamentare d'inchiesta che faccia luce sulla sorte del gesuita italiano.

Finora nessuna delle voci raccolte in questi anni ha trovato conferma e il governo siriano non ha mai fornito una versione dei fatti che fosse il risultato di un'inchiesta credibile e verificabile. In questo senso un'iniziativa ufficiale del Parlamento italiano potrebbe portare a qualche risposta da chi ha il dovere di fornirla. Nella lettera inviata ai presidenti dei due rami del Parlamento, ai presidenti delle Commissioni competenti (Esteri, Copasir) e al ministro degli esteri, si legge: "Noi riteniamo che l'istituzione di una Commissione parlamentare che coinvolge tutto il Parlamento e che, ai sensi dell'articolo 82 della Costituzione, procede alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse limitazioni dell'autorità giudiziaria, sia l'ultimo strumento che, anche per la sua rilevanza politica, potrebbe permettere di arrivare alla verità". Paolo Dall'Oglio ha investito ogni suo respiro per aprire le anime di cristiani e musulmani alla convivialità e pertanto avvertiamo il dovere morale di restituirgli almeno parte del debito che abbiamo contratto verso di lui.


Mosaico di pace, rivista promossa da Pax Christi Italia e fondata da don Tonino Bello, si mantiene in vita solo grazie agli abbonamenti e alle donazioni.
Se non sei abbonato, ti invitiamo a valutare una delle nostre proposte:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/abbonamenti
e, in ogni caso, ogni piccola donazione è un respiro in più per il nostro lavoro:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/altri-acquisti-e-donazioni