Giustamente il comico sapiente, @VujaBoscov, afferma che "aumentare numero di reati per risolvere problema di sicurezza è come dare due fischietti a arbitro per risolvere problema di calciatori fallosi".

Nel nuovo "pacchetto sicurezza" del governo mi pare che si sia intrapresa quella strada. Un esempio per tutti ce lo ha spiegato bene Patrizio Gonnella dalle pagine de Il manifesto. Per il carcere si è immaginato il "reato di rivolta" che comprende anche la "resistenza passiva" punibile fino a otto anni di carcere. Paradossalmente può succedere che una persona condannata a un mese di carcere e che viene ristretta in una cella superaffollata e in condizioni assai precarie, inizia uno sciopero della fame o si rifiuta di obbedire agli ordini di un agente di custodia e si ritrova a scontare otto anni per aver violato l'articolo 415-bis che si intende introdurre. Una misura che appare francamente più dura del regolamento fascista del 1931, del codice Rocco. Per il resto l'articolo recupera nel reato di rivolta reati già previsti e perseguiti. E allora ha ragione la parodia di Boskov: che senso ha dare due fischietti all'arbitro per fischiare lo stesso fallo?


Mosaico di pace, rivista promossa da Pax Christi Italia e fondata da don Tonino Bello, si mantiene in vita solo grazie agli abbonamenti e alle donazioni.
Se non sei abbonato, ti invitiamo a valutare una delle nostre proposte:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/abbonamenti
e, in ogni caso, ogni piccola donazione è un respiro in più per il nostro lavoro:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/altri-acquisti-e-donazioni