"Dal seme che muore fiorisce una messe nuova di giustizia e di pace". Sono le parole scolpite sulla tomba di don Peppe Diana, ucciso dalla camorra dei casalesi. Lo ha ricordato anche don Luigi Ciotti dal palco della Giornata nazionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti di mafia.

Sembra un augurio pasquale o scandaglia il senso della Pasqua che sa donarsi a tutte e tutti senza distinzione alcuna di appartenenza. Una lezione per cui valga la pena iscriversi oggi alla scuola del seme in un clima di totale sfiducia e scoraggiamento in cui tutto ha il sapore di un fallimento e una sconfitta senza sbocchi. Dalle guerre alla politica, dalle fraternità tradite nei mari ridotti a cimiteri e contro i muri spinati all'ingiustizia di un'economia, che prosegue nella sua scelta disumana di sfruttamento dei molti per il benessere dei pochi. La scuola del seme ci insegna a sperare al buio, senza una ragione, senza una via d'uscita credibile, tant'è che è sfida ardua sentire nel seme un profumo di resurrezione. Eppure è su quella tomba che custodisce una vita senza più vita che è scolpita la promessa di "una messe nuova di giustizia e di pace". 


Mosaico di pace, rivista promossa da Pax Christi Italia e fondata da don Tonino Bello, si mantiene in vita solo grazie agli abbonamenti e alle donazioni.
Se non sei abbonato, ti invitiamo a valutare una delle nostre proposte:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/abbonamenti
e, in ogni caso, ogni piccola donazione è un respiro in più per il nostro lavoro:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/altri-acquisti-e-donazioni