Il pentimento è un'altra cosa e non può essere confuso con la collaborazione con la giustizia. I titoli dei giornali definiscono sbrigativamente pentimento la decisione di Francesco Schiavone, meglio noto come Sandokan, di cominciare a riferire di tutte le sue azioni criminali con dettagli circostanziati sulla fitta rete di complicità e corruzione.

Il primo segnale che i magistrati avranno valutato è sicuramente il riferimento ad attività illecite o eventi delinquenziali per i quali non è mai stato né indagato, né condannato. L'atto di pentirsi è piuttosto un processo interiore che scava nella coscienza, fruga nella volontà di un riscatto personalissimo, è ricerca delle falde di umanità più pura che sopravvivono anche alle più crudeli condotte criminali. Di Schiavone finora sappiamo solo della sua volontà di collaborare, che è da verificare con riscontri precisi e attuali. Del suo percorso nulla è stato reso pubblico e pertanto nulla conosciamo. Piuttosto lo auspichiamo perché non farebbe fare un passo avanti solo alla giustizia e alla ricerca della verità ma anche all'umanità. E non solo alla sua.


Mosaico di pace, rivista promossa da Pax Christi Italia e fondata da don Tonino Bello, si mantiene in vita solo grazie agli abbonamenti e alle donazioni.
Se non sei abbonato, ti invitiamo a valutare una delle nostre proposte:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/abbonamenti
e, in ogni caso, ogni piccola donazione è un respiro in più per il nostro lavoro:
https://www.mosaicodipace.it/index.php/altri-acquisti-e-donazioni