PRIMO PIANO

Il moto dei movimenti

I movimenti come forme di partecipazione politica dal basso.
Ma anche come soggetti complessi che generano leadership e identità.
Uno studio per dare uno sguardo dall’interno.
Valeria Vettore

Una raccolta di dieci contributi di altrettanti studiosi sulle nuove forme di partecipazione politica per una analisi del ruolo dei nuovi movimenti sociali per la costruzione di un mondo giusto e delle sue caratteristiche: Processi sociali e nuove forme di partecipazione politica (a cura di L. Cedroni, Franco Angeli, Milano, 2004) è il risultato di uno studio effettuato a partire dal Forum Sociale Europeo di Firenze (6-10 novembre 2002). Al centro della riflessione proposta vi sono i leader particolarmente attivi nei movimenti sociali (i cosiddetti “imprenditori di movimento”), che svolgono un insostituibile ruolo di mobilitazione dei partecipanti e che sono, a vario titolo, in collegamento, palese o latente, con organizzazioni partitiche, lobbies, gruppi di pressione e associazioni.
Il tentativo è quello di integrare una prospettiva che si sofferma unicamente sullo studio della partecipazione “dal basso” – e che vede la militanza nei movimenti come puro e semplice moto spontaneo dei singoli individui, sensibili all'obiettivo comune della lotta alla guerra e alle disuguaglianze Copertina libro. generate dalla globalizzazione – con un approccio che prende in considerazione anche la leadership dei nuovi movimenti collettivi, e quindi gli attori che ne promuovono la mobilitazione, siano essi partiti, ONG o associazioni che in qualche modo guidano e organizzano la partecipazione ai movimenti.
Gli autori si soffermano ad analizzare il profilo tipologico e identitario delle “figure nodali” della Movement Society, ricostruendone il background politico-culturale e tracciandone il networking, cioè il reciproco mettersi in rete.
La metodologia utilizzata è qualitativa: osservazione sul campo e interviste in profondità. Ne sono state raccolte circa cento (una cinquantina delle quali pubblicate in appendice al volume), tutte a testimoni privilegiati individuati tra le figure di riferimento più significative (portavoce, responsabili e rappresentanti) dei diversi partiti politici, associazioni, gruppi e movimenti

Processi sociali e nuove forme di partecipazione politica, (a cura di) Lorella Cedroni, Milano, FrancoAngeli, 2004, 416 pagine.
Con interventi di: Mariella Nocenti, Daniele Ungaro, Roberta Iannone, Emanuele Rossi, Roberto Scalise, Lorella Cedroni, Paola Natalicchio, Roberto De Rosa, Massimiliano Ruzzeddu, Stefania Cosi.
nazionali e internazionali presenti. Dai principali esponenti politici vicini o interni al movimento, ai delegati dei sindacati più in vista nel panorama internazionale; dai media-attivisti della scena giornalistica indipendente ai teologi della liberazione; dai portavoce del movimento dei e delle disobbedienti ai “lillipuziani e agli attivisti delle Case della Pace e di Pax Christi.

Ultimo numero

La notte che ha cambiato il mondo
NOVEMBRE 2019

La notte che ha cambiato il mondo

Un dossier dedicato al Muro.
Quel Muro che ha condizionato la storia.
La notte tra il 9 e il 10 novembre 1989 la gente piccona,
distrugge e abbatte il Muro di Berlino.
E finisce un'era, dando inizio a una nuova.
Più sicura?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29