Usa-Iraq

A distanza di un anno dallo shock provocato dalle fotografie uscite dal carcere iracheno di Abu Ghraib, Amnesty International diffonde un comunicato stampa perché le persone torturate dai soldati statunitensi sono ancora in attesa di un risarcimento.
“Se da un lato una manciata di soldati sono stati deferiti alla corte marziale – si legge nel comunicato – dall’altro il personale di più alto grado all’interno dell’amministrazione Usa è rimasto indenne da un’indagine indipendente, pur avendo autorizzato pratiche che costituiscono maltrattamenti e torture”.
Nel comunicato si chiede quindi l’apertura di un’inchiesta indipendente sulle procedure di detenzione e interrogatorio impiegate nel contesto della guerra al terrore, oltre al consenso a osservatori indipendenti – come la Croce rossa o gli esperti dell’Onu – di avere accesso a tutti i prigionieri che si trovano sotto la custodia degli Usa.

Info:
Amnesty International Italia
Ufficio stampa
tel. 06-4490224
press@amnesty.it

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36