MAFIE

La coerenza del lunedì

In segno di solidarietà e condivisione abbiamo scelto di pubblicare l’omelia che il vescovo di Locri ha pronunciato nel corso delle esequie di Francesco Fortugno.
È l’umile contributo di Mosaico di pace al cammino di riscatto della Calabria dall’oppressione mafiosa.

Mons. Giancarlo Bregantini

Carissimi fratelli e sorelle, vi saluto con un cuore pieno di lacrime e di coraggio, nel nome del Cristo Risorto, alfa e omega, punto focale
della nostra Storia, anelito di ogni cuore e speranza che asciuga le tante lacrime dai nostri occhi.
In primo luogo mi stringo ai familiari del l’on. Francesco Fortugno, cui va la mia più affettuosa solidarietà e vicinanza. […]
Proprio mentre la diocesi tutta, nella memorabile serata di luce di domenica pomeriggio, celebrava l’inizio del Congresso Eucaristico Diocesano, segno di riconciliazione nel sangue del Cristo, “versato per amore” in luoghi dove tanto sangue era stato versato, è giunta la notizia della barbara uccisione dell’on. Francesco Fortugno, il cui sangue si aggiunge così al tanto sangue già sparso in questa nostra amata ed amara terra della Locride. Si è forse accorciata la mano del Signore sopra di noi?
Ben ha dipinto questa situazione di tristezza diffusa il profeta Geremia: “Da grande calamità è stata colpita la figlia del mio popolo, da una ferita mortale...!” (14,17). Non sia fuori luogo la terribile domanda, sgorgata dal cuore del profeta: “Hai forse rigettato completamente la città di Sion?Perché ci hai colpito? Non c’è rimedio per noi! Aspettavamo la pace, l’ora della salvezza ed ecco il terrore” (14,19).
Proprio perché tanto la amiamo questa terra, tutti noi, ci penetra dentro questa ferita mortale. E mille volte ci chiediamo: “Perché tanto sangue? Perché questa uccisione? Chi l’ha così proditoriamente pensata, organizzata e attuata? Perché proprio nei confronti di quest’uomo, che si è sempre distinto per umanità, tanto ascolto, amabilità, vicinanza alla gente, spessore umano e politico, senso religioso della vita in lui e nella sua vasta famiglia, cui siamo affettuosamente vicini e solidali? Perché?”.
Sul piano delle indagini, dovranno essere gli inquirenti a saper rispondere. Con forza, chiediamo che sia fatta luce al più presto e con la maggior professionalità possibile, fino all’arresto dei colpevoli. Senza esternazioni fuori luogo, ma con quella serietà e misura che arriva, pazientemente, ma ostinatamente, allo scopo, da tutti atteso.
Sul piano politico, abbiamo finalmente visto una riscossa forte di tutte le realtà partitiche, nazionali e regionali, per reagire a questa devastante offesa alla Politica. […] Perché il problema, oggi, è a dimensione nazionale, non solo locale. La ‘ndrangheta, infatti, con questo delitto ha voluto dire che intende dominare e sottomettere proprio la Politica, locale e nazionale, perché sia strumento docile ai suoi enormi interessi economici. Cerca perciò di spezzare i legami, preziosi, tra la classe politica e la gente, per ricondurli a sé, per meglio dominare e piegare entrambi. Per questo, ha voluto dare un macabro messaggio di umiliazione sociale, per intimorire e paralizzare ogni altra azione di bene e di sviluppo. Questa è la nostra lettura. Condivisa da tanti, da tutti, crediamo, oggi, in questa cattedrale e fuori sulla piazza, gremita di gente, con occhi rigati di rabbia e di dolore.
Eppure, qui si innesta la scelta che come diocesi abbiamo fatto di iniziare il Congresso Eucaristico proprio da una zona bagnata di tanto sangue, anche recente. Cioè, proprio là dove il sangue è stato versato da mani inique, è necessario “versare” il sangue di Cristo, l’unico antidoto perché non sia più versato il sangue del fratello. Solo Cristo, che ha istituito l’Eucarestia nella notte del tradimento, come supremo dono d’amore, potrà trasformare la violenza in amore, la morte in vita e la vendetta in perdono.
Due striscioni si congiungono, idealmente, nel mio cuore: quello bianchissimo dei nostri studenti delle scuole di Locri, che con questa immagine hanno colpito e fatto pensare l’Italia tutta. Con tutti voi, anch’io ho tanto apprezzato il loro gesto, la loro fantasia creativa, che con l’intuizione giovanile, sa parlare con i segni in modo efficace.
E lo striscione dei ragazzi di Bruzzano, altrettanto coraggioso, che così recitava: “In Gesù eucaristico, la violenza si trasforma in amore!”, valorizzando la grande omelia di Papa Benedetto ai giovani della Giornata Mondiale a Colonia! Queste due immagini hanno una forza immensa:l’indignazione e la tristezza dello striscione bianco, insieme con la forza trasformante che, tutti insieme, dobbiamo dare a questo tragico evento, riempiendo lo striscione bianco di parole di speranza. Di fronte all’evento
Non dobbiamo subirlo, ma trasformarlo. Non viverlo nel vuoto della rabbia, ma valorizzarlo, per nuova progettualità culturale.
Non lasciarlo nella emotività di pochi giorni, già tipica di questa terra e per giunta, ora, sussidiati da una inaspettata catena mediatica, ma proporre a noi tutti una triplice purificazione, che cambi il nostro cuore e la nostra terra.
Paolo ci ha detto: Perciò non ci scoraggiamo, ma se anche il nostro uomo esteriore si fa disfacendo, quello interiore si rinnova di giorno in giorno! (2 Corinzi, 4,16).
[…] La morte dell’onorevole Fortugno sia proprio il seme che, caduto in terra, muore sì ma nel suo morire, porta per tutti noi, per la nostra gente, per questa amata terra di Calabria, per il suo ospedale, per la politica e per la Chiesa tutta una purificazione trasformante.
A triplice livello: spirituale, culturale, politico.

Una purificazione spirituale
[…] Come Chiesa, sulla scia del santo vescovo don Tonino Bello, questo evento ci spinga sempre più a quelle tre scelte fondamentali: annunciare, denunciare, rinunciare.
Più chiara sia la nostra Parola di preti, più vivo il Vangelo che annunciamo, più profetica la nostra testimonianza di cristiani, più consequenziale in tutto la nostra vita. A tutti i preti e a tutti i cristiani chiedo chiarezza di vita, coraggio anche fino al martirio. Alla bellezza della domenica, aggiungiamo la coerenza del lunedì!
Cresca l’Adorazione eucaristica, frutto di questo Congresso, fattosi tremendamente vero, per imparare, da quel gesto, specie per i giovani, ad adorare solo e soltanto la grandezza di Dio, senza mai piegare il capo di fronte al male e di fronte ad altri idoli, suadenti ma ingannevoli, per non essere succubi dei prepotenti e dei mafiosi. Riprendiamo l’efficace scelta del digiuno, per la conversione dei delinquenti. Non sembri fuori luogo questo gesto antico, perché resta sempre una delle forme più attive di nonviolenza, per affinare le nostre coscienze, per non ingoiare i cammelli, per resistere al falso mito del denaro facile, per risvegliare le coscienze dei deboli, allenandoci così a un’etica di speranza e di coraggio.

Una purificazione socio-culturale
Perché una vera spiritualità cambia poi la nostra vita. Specie nell’ambito dell’onestà nella vita professionale e sul lavoro, fatto di impegno serio, con una rinnovata motivazione e aggiornata qualificazione. Non più vivere né pensare in termini di assistenzialismo, che ha devastato la nostra coscienza e desertificato la nostra terra, svuotandola di ogni iniziativa imprenditoriale.
Se tutto aspettiamo dagli altri, nulla mai faremo e nulla costruiremo per il futuro nostro e dei giovani né saremo più capaci di opporsi a chi, con la forza della violenza, vuole mangiare sugli appalti, speculare sulla cooperazione, organizzare il controllo del territorio.
Occorre un forte risveglio delle nostre coscienze, non alimentando più l’iniquità del male, opponendoci alle richieste estorsive, denunciando l’usura. Ecco perché mi piace riportare qui uno striscione dei giovani, che ieri hanno sfilato nelle vie della nostra città, così ferita e insieme così tenace:
L’omertà, la vostra forza; noi giovani, la vostra fine!
Ma soprattutto, occorre che tanto, tanto amiamo questa nostra terra di Calabria. é poco amata, poco conosciuta, mal raccontata (solo nei grandi eventi negativi si vedono le televisioni nazionali e i corrispondenti dei grandi giornali!). Ogni mamma, ogni maestra, ogni catechista sappia trasmettere, con passione, l’amore alla propria terra. Allora, le case saranno finite, le strade curate, le scuole dignitose, le chiese aperte, i lavori fatti bene, i circoli culturali attivi, i partiti concreti, le iniziative imprenditoriali portate a termine!

Una purificazione politico-economica
Finalmente, in quest’occasione, si sono svegliati i grandi partiti sul caso Calabria. é triste, per me, dire “caso Calabria”. Non la cito mai così, la chiamo sempre “terra di giardino”, perché così l’hanno fatta le mani sapienti del Padre, riempiendola di colori e di profumi! Ma quanto sangue in questo giardino, quante volte Caino vi ha ucciso Abele! E allora, chiedo a tutte le forze politiche di star molto accanto alla gente, di ascoltarla, di star vicino alla Locride, di seguire i nostri passi, di intrecciare le economie del Nord, più organizzate, con la freschezza delle intuizioni dei nostri giovani imprenditori, di rifinanziare il prestito d’onore, di non tagliare la spesa sociale, perché allora, non intervenendo adeguatamente nelle ferite aperte, esse non saranno feritoie di grazia ma cancrena sociale, che la mafia, astutamente e perfidamente, utilizzerà per i suoi iniqui scopi!
Soprattutto dobbiamo tutti vigilare, con mezzi adeguati e forze intelligenti, specie con la Guardia di Finanza, sull’utilizzo dei fondi, sui palazzi che crescono di colpo, sull’usura, piaga vergognosa che la mafia utilizza vastamente per il controllo del territorio, intervenendo tramite un pool di polizia specializzato, senza attendere che sia il povero usurato a denunciare, nel sostegno sistematico ai pochi ma coraggiosi testimoni di giustizia.
La politica deve dimostrare che lo Stato c’è. Non la polizia, ma gli investimenti e il lavoro lo dimostreranno realmente e renderanno credibile tale dichiarata presenza, di cui tutti abbiamo immenso bisogno.
E chiudo, rivolgendomi con forza alla giustizia di Dio, giustizia certa, che insegue con determinazione i passi, tristissimi, degli uccisori e di chi ha ordinato questo infame delitto, chiarissimo per le sue modalità mafiose.
Chi ha fatto il male lo paga sempre, perché il Signore spezza il braccio dell’empio e del malvagio!
Se lo diciamo con forza, a rischio di essere fraintesi, è perché, in questa assurda catena di omicidi impuniti, si è perso il santo timor di Dio, l’unico deterrente contro il male devastante.
[…] “Tribolati da ogni parte, ma non schiacciati; sconvolti ma non uccisi; perseguitati ma non abbandonati”, con lacrime amare, annunciamo ancora la bellezza della vita, con rigenerato coraggio, dono dello Spirito che sempre ci consola e tutta sa rinnovare, perché anche la faccia della Locride, così insanguinata e così bella, cammini sulla strada del coraggio verso un futuro di speranza. Amen.

Ultimo numero

Affare fatto
DICEMBRE 2019

Affare fatto

90 cacciabombardieri F35
14 miliardi di euro.
Una follia.
Il programma aeronautico
più costoso di tutti i tempi.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29