ULTIMA TESSERA

Don Tonino martire della nonviolenza

Mons. Luigi Bettazzi

I dieci anni dalla morte di mons. Tonino Bello sono stati ricordati prima ad Assisi, con il Convegno promosso dalla Fondazione, poi ad Alessano, promotori la diocesi di Ugento e la comunità civile ed ecclesiale della città dov’è nato e dov’è sepolto, poi a Molfetta, promotrici la diocesi di cui era vescovo, La Meridiana, il seminario regionale pugliese, la fondazione “don Tonino Bello di Alessano”, la Scuola di Pace di Molfetta e Pax Christi.
È stato quest’ultimo un convegno importante, sia per il livello dei relatori (di…quasi tutti: lo dico per modestia!) sia per la partecipazione della gente, delle quattro città della diocesi (Molfetta, Ruvo, Giovinazzo, Terlizzi) e di molte altre parti della Puglia e d’Italia. Ha messo in evidenza – il convegno – il fascino che riscuote la figura di “don Tonino” e come, al di là del rischio di una commemorazione brillante ma superficiale, la sua figura rivesta sempre più la dimensione del profeta, cioè del portatore di un messaggio di Dio, di fronte al quale – singoli e comunità – dobbiamo fare un esame di coscienza ed impegnarci in un rinnovamento di convinzioni e di stile di vita.
Penso, ad esempio, da una parte alla sua fede profonda in DioSS. Trinità ed in Gesù Cristovero Dio e vero uomo, ma dall’altra come da questa sua fede sincera ricavasse l’impegno di attenzione a tutti, proprio a cominciare – come Gesù – dai più piccoli e dai più poveri.
Ed è questo un motivo persistente di rinnovamento per ciascuno di noi, sempre tentati di “amare il prossimo” e di “odiare il nemico”, cioè di mettere in secondo piano chi, per qualunque motivo, è diverso da noi; ma lo è anche per le comunità, civili ed ecclesiali, sempre tentate di chiudersi in sé e di dimenticare – se non di emarginare – chi è “lontano”.
Ma questo è anche un motivo per riscoprire le radici e il dovere della comunione e della pace, in tempi di disinteresse, di sfruttamento, di violenza contro chi rivendica giustizia e libertà.
Se don Tonino – l’ho richiamato doverosamente – ha ricevuto tanto dalla sua famiglia e dalla sua terra, ha ricavato per altro da Pax Christi e dalla esperienza del movimento l’approfondimento del tema della pace, il suo collegamento così stretto col Vangelo e la necessaria connessione con i problemi della coscienza e della solidarietà; in cambio ci ha tanto aiutato ad approfondire e a sviluppare il tema della nonviolenza, a cominciare dalla vita dei singoli e della chiesa, fino alla dimensione della vita dei popoli e del mondo. Sono convinto che don Tonino è morto “martire” della nonviolenza, della sua testimonianza così forte di fronte alla guerra del Golfo, a quella della Bosnia (il discorso di Sarajevo!), dell’accoglienza degli immigrati, di fronte a tante chiusure e a tante ipocrisie, a tante violenze.
Credo che il vero modo di testimoniare la stima e l’affetto per don Tonino, al di là dei facili trionfalismi, sia proprio quello di riconoscere la profondità e l’attualità di questo messaggio, così evangelico ma così frainteso e trascurato. Il grazie dunque che diciamo a don Tonino deve tradursi in adesione alla sua fede e in continuità col suo impegno.
Solo allora potremo pensare che il nostro don Tonino, purificato dalla lunga sofferenza offerta per la sua gente e il popolo della pace, sarà davvero “beato”!

Ultimo numero

Mediterraneo arca di pace?
GENNAIO 2020

Mediterraneo arca di pace?

Un numero speciale, monografico,
in occasione dell'incontro su
"Mediterraneo, frontiera di pace",
organizzato dalla Cei a Bari in febbraio 2020,
e nello sfondo del messaggio di papa Francesco
per la Giornata mondiale della Pace,
"La pace come cammino di speranza:
dialogo, riconciliazione e conversione ecologica".
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.31