DIRITTI UMANI

Liberi di reprimere

Dalla Siria all’Iran. Da Cuba all’Eritrea. La globalizzazione delle violazioni dei diritti umani. La denuncia di Amnesty International nel suo nuovo rapporto.
Paola Pobbiati (Presidente della sezione italiana di Amnesty International)
Nuova pagina 1

Se dovessimo cercare un’immagine metaforica per sintetizzare i contenuti più importanti del Rapporto Annuale di Amnesty International, sarebbe sicuramente quella di un bicchiere riempito a metà. Nel corso del 2005 ci sono stati importanti sviluppi nel campo della tutela dei diritti umani che lasciano ben sperare per il futuro, e questa è la parte di bicchiere che è stato riempito. Tanto, tantissimo rimane da fare per sanare situazioni inaccettabili, e questa è la parte di un bicchiere scandalosamente mezzo vuoto. Per la prima volta dall’11 settembre 2001 e dalla successiva offensiva nei confronti dei diritti umani, i protagonisti della cosiddetta “guerra al terrore” si sono visti costretti a restare sulla difensiva; in più casi, le istituzioni dei Paesi i cui governi si sono distinti nel palese tentativo di erosione del sistema di protezione dei diritti umani, hanno preso posizioni forti nella direzione opposta; alcuni organismi internazionali si sono pronunciati in maniera chiara e inequivocabile così come l’opinione pubblica ha iniziato a mettere in dubbio l’efficacia e l’impatto delle strategie antiterrorismo. Il Governo Blair ha conosciuto le sue prime sconfitte in Parlamento, dopo nove anni, proprio sulla legislazione antiterrorismo. La Camera dei Lord ha bocciato il progetto di legge del Governo che avrebbe reso ammissibili le prove estorte con la tortura e altri organi di giustizia britannici hanno dichiarato illegale la detenzione senza accusa né processo di cittadini stranieri. Queste novità, se da un lato mostrano quanta strada si sia percorsa a ritroso rispetto a quanto realizzato nei decenni precedenti, danno anche una chiara indicazione su quanto l’intervento delle istituzioni e la sensibilizzazione della società civile possano essere determinanti nel fermare questo processo di smantellamento del sistema internazionale di protezione dei diritti umani. Speculare la situazione negli Stati Uniti, dove il Congresso ha intrapreso un vero e proprio braccio di ferro con l’amministrazione Bush sulla legittimità o meno dell’utilizzo, da parte del personale americano, di trattamenti crudeli, inumani o degradanti nei confronti di cittadini stranieri accusati o sospettati di attività terroristiche.

Buchi neri

I nomi che sono diventati i simboli della cancellazione dello stato di diritto li conosciamo bene: Guantánamo, Abu Ghraib, Bagram. Accanto a questi ve ne sono altri che non conosciamo, sono quelli che rientrano nella denominazione di “buchi neri”, i “black sites”, luoghi di detenzione segreta situati presumibilmente in alcuni Paesi dell’Asia Centrale e dell’Europa Orientale. In questo quadro, l’Europa è stata colpevolmente assente, rendendosi spesso anche complice di questi abusi. Nel corso del 2005 è emerso il tema delle “rendition”, i trasferimenti illegali e al di fuori di ogni controllo giudiziario di persone sospettate di terrorismo, verso Paesi terzi quali Yemen, Arabia Saudita, Egitto, Siria, noti per le torture che si praticano nelle loro carceri. Difficile credere che a fronte di ciascuno di questi trasferimenti siano state fornite garanzie riguardanti il rispetto dei diritti umani da parte di chi ha preso in consegna i detenuti. Amnesty International ha documentato più di 1.600 voli organizzati dalla CIA, molti dei quali hanno utilizzato lo spazio aereo e scali europei, ricorrendo a compagnie aeree private, a volte esistenti solo sulla carta, in modo da eludere eventuali richieste e controlli sulle destinazioni e su chi si trovasse a bordo. Impossibile dare cifre precise su quanti detenuti siano stati trasferiti con queste modalità, ma in base alle ammissioni di alcuni governi e di funzionari statunitensi si tende a quantificare il numero di prigionieri “consegnati” in diverse centinaia. Non si tratta soltanto di trasferimenti illegali ma di arresti arbitrari, detenzione a tempo indeterminato senza accusa né processo, mancanza di assistenza legale, tortura e maltrattamenti, condizioni di detenzione inadeguate, “sparizioni”. Qualcosa però si sta muovendo: le indagini del Consiglio d’Europa e del Parlamento Europeo sul coinvolgimento dei Paesi europei nelle “rendition”, la condanna delle Nazioni Unite alle modalità di detenzione nel carcere di Guantánamo e la esplicita richiesta di chiuderlo, l’emissione di 22 mandati di cattura nei confronti di agenti della CIA coinvolti nel sequestro, avvenuto a Milano e nella successiva sparizione di Abu Omar evidenziano i dubbi sempre più diffusi sull’impatto delle strategie antiterrorismo.

Dubbi ci sono anche sulla loro efficacia: secondo il rapporto annuale del Dipartimento di Stato Usa sul terrorismo internazionale, nel 2005 ci sono stati 11.000 attentati terroristici nel mondo, che hanno causato oltre 14.600 vittime, delle quali 8.300 in Iraq. Oggi il mondo non è certamente più sicuro dalle minacce di gruppi armati che colpiscono deliberatamente la popolazione civile in una sequela di attentati che ha insanguinato diversi Paesi. Il fallimento di questa strategia oggi è forse più evidente nei due Paesi: l’Iraq, affogato in un vortice di violenza settaria, e l’Afghanistan, dove povertà, illegalità e insicurezza hanno continuato ad affliggere le vite di milioni di persone. I governi, da soli e collettivamente, hanno paralizzato le istituzioni internazionali, dilapidato risorse pubbliche per perseguire obiettivi di sicurezza limitati e di corto respiro, sacrificato valori in nome della “guerra al terrore” e chiuso gli occhi di fronte a violazioni dei diritti umani su scala massiccia. Ne è diretta conseguenza la perdita di autorevolezza della comunità internazionale che si trova a essere sempre più inefficace nell’affrontare crisi umanitarie. Così come è avvenuto nel Darfur, dove la flebile azione delle Nazioni Unite e dell’Unione Africana si sono dimostrate pateticamente inadeguate rispetto a quanto sarebbe occorso fare, consentendo la prosecuzione delle atrocità nei confronti della popolazione civile, con altre migliaia di morti e milioni di persone costrette ad abbandonare le proprie case e i propri villaggi, o in conflitti sempre più dimenticati come quelli in Costa D’Avorio, Cecenia, Uganda o Colombia.

Contemporaneamente la grave situazione in Israele e nei Territori Occupati è scomparsa dall’agenda internazionale: un conflitto che non sembra avere vincitori, ma solo vittime. Da una parte un popolo che vive costantemente con la minaccia di attentati indiscriminati e vede ancora oggi la legittimità del proprio stato messa in discussione da dichiarazioni vergognose come quelle del presidente iraniano Ahmadinejad; sul fronte opposto un altro popolo che vede negati i più elementari diritti, sottoposto ad abusi e umiliazioni, che sta pagando un prezzo inaccettabile non solo in vite umane ma anche in termini di qualità della vita e della possibilità di migliorare il proprio futuro. Oltre a essere uno schiaffo per il sistema di protezione dei diritti umani, le modalità di gestione della lotta al terrorismo hanno un “effetto domino” su molti altri Paesi, che trovano legittimazione nella loro opera di “pulizia interna”. Il caso forse più eclatante e drammatico è quello dell’Uzbekistan: nella notte del 13 maggio 2005 le forze di sicurezza hanno aperto il fuoco sulla folla che protestava contro il Governo del presidente Karimov nella città di Andijan, nella valle di Fergana. Centinaia di persone sono state uccise, centinaia sono state arrestate e molte altre sono state costrette a fuggire nel vicino Kirghizistan, con il rischio di venire rimandate indietro. I pochi testimoni oculari che hanno osato sfidare la “versione ufficiale” su quanto accaduto ad Andijan, sono stati condannati a lunghe pene detentive.

Accanto a tutte queste ci sono poi le storie di “ordinaria repressione”, della soppressione del dissenso, della libertà di espressione, di associazione e di religione, delle minoranze etniche o linguistiche, dei difensori dei diritti umani, di persone con orientamenti sessuali non accettati. Sempre più spesso nel mondo, una persona viene presa di mira per la sua identità, per ciò che è e non per ciò che ha fatto o si sospetta abbia fatto. Questo accade anche in Italia, come dimostra la sequela di violazioni dei diritti umani ai danni di migranti e richiedenti asilo nel nostro Paese. Chi denuncia le violazioni dei diritti umani e chi si batte per la loro tutela subisce la rappresaglia del Governo. In Cina la repressione si caratterizza sempre di più nel colpire i difensori dei diritti umani: sindacalisti, contadini che protestano per l’esproprio delle loro terre, per la corruzione o per le tasse troppo pesanti che vengono loro imposte e gli avvocati che li difendono, diseredati che rimangono esclusi dal miracolo economico cinese. Ma la vera nuova frontiera della repressione in Cina è internet.Particolarmente inquietante è la collaborazione che le autorità cinesi ricevono da aziende occidentali: Yahoo, Google e Microsoft hanno adattato i loro prodotti al mercato cinese impedendo di accedere a siti non graditi alle autorità attraverso i loro portali e ai loro motori di ricerca. Eclatante il caso del giornalista Shi Tao, condannato a 10 anni di reclusione in aprile per aver diffuso una direttiva del Partito Comunista via e-mail: stando agli atti processuali, Yahoo avrebbe fornito alle autorità cinesi informazioni sul possessore dell’account.

Il Rapporto Annuale 2006 presenta uno scenario pressoché immutato di continue violazioni dei diritti umani drammaticamente uguale a se stesso da anni. Nelle carceri della Siria, dell’Iran, di Cuba, del Myanmar, dell’Eritrea, del Sudan, della Corea del Nord, della Tunisia e di molti altri Paesi, si trovano dissidenti, giornalisti, difensori dei diritti umani, spesso incarcerati solo per aver pacificamente espresso le loro opinioni, imprigionati con lo scopo di metterli a tacere. Sono le tante persone alle quali Amnesty dà e continuerà a dare la propria voce, e per le quali le attività dell’associazione continuano a rappresentare la speranza.

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20