Lavoro e dignità

Fonte: Zenit – 10 luglio 2006

Secondo la Santa Sede, il lavoro degno è la chiave per lo sviluppo sostenibile. Lo ha affermato l’Arcivescovo Silvano M. Tomasi, Osservatore permanente presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, intervenendo il 5 luglio alla riunione del Consiglio Economico e Sociale dell’ONU (ECOSOC).
Il rappresentante del Papa ha sostenuto tutte quelle misure che sottolineano “il ruolo centrale della persona umana e il valore del lavoro umano, e che indicano il modo per superare la povertà cronica e l’emarginazione”. “Un lavoro decente, infatti, comporta una qualità della vita che va oltre la produzione: è una dimensione della persona stessa, che dà al lavoro il suo valore più alto”, ha riconosciuto.
Secondo il presule, la disoccupazione è uno degli ostacoli al raggiungimento degli Obiettivi del Millennio adottati dalla comunità internazionale nella lotta contro la povertà, e provoca allo stesso tempo “comportamenti disordinati e certamente un mondo meno sicuro”.
Per questo motivo, “lo sviluppo è il nuovo nome della pace”, ha affermato citando una famosa espressione coniata da Papa Paolo VI nel 1967 nella sua Enciclica Populorum progressio.

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20