Lavoro e dignità

Fonte: Zenit – 10 luglio 2006

Secondo la Santa Sede, il lavoro degno è la chiave per lo sviluppo sostenibile. Lo ha affermato l’Arcivescovo Silvano M. Tomasi, Osservatore permanente presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, intervenendo il 5 luglio alla riunione del Consiglio Economico e Sociale dell’ONU (ECOSOC).
Il rappresentante del Papa ha sostenuto tutte quelle misure che sottolineano “il ruolo centrale della persona umana e il valore del lavoro umano, e che indicano il modo per superare la povertà cronica e l’emarginazione”. “Un lavoro decente, infatti, comporta una qualità della vita che va oltre la produzione: è una dimensione della persona stessa, che dà al lavoro il suo valore più alto”, ha riconosciuto.
Secondo il presule, la disoccupazione è uno degli ostacoli al raggiungimento degli Obiettivi del Millennio adottati dalla comunità internazionale nella lotta contro la povertà, e provoca allo stesso tempo “comportamenti disordinati e certamente un mondo meno sicuro”.
Per questo motivo, “lo sviluppo è il nuovo nome della pace”, ha affermato citando una famosa espressione coniata da Papa Paolo VI nel 1967 nella sua Enciclica Populorum progressio.

Ultimo numero

Un mondo a colori
FEBBRAIO 2020

Un mondo a colori

Noi dobbiamo avviare processi, più che occupare spazi.
Dio si manifesta nel tempo ed è presente nei processi della storia.
Questo fa privilegiare le azioni che generano dinamiche nuove.
E richiede pazienza, attesa.
Papa Francesco, 21 dicembre 2019
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.32