IV forum Sbilanciamoci!

L’impresa di un’economia diversa. Produrre, lavorare, consumare nell’economia dei beni comuni

Bari, 31 agosto - 3 settembre 2006
Nuova pagina 1
Anche questo settembre si svolgerà, in contemporanea ed in alternativa al meeting di Cernobbio, la IV edizione del forum annuale di Sbilanciamoci!  "L’impresa di un’economia diversa. Produrre, lavorare, consumare nell’economia dei beni comuni". Dal 31 agosto al 3 settembre 2006 a Bari verranno organizzati quattro giorni di tavole rotonde, seminari e conferenze con al centro la critica al neoliberismo e le proposte alternative per un’economia diversa fondata sulla pace, la giustizia sociale, i diritti, l’ambiente.
 
Come Fair (www.faircoop.it) , organizzazione sostenitrice della Campagna Sbilanciamoci!, saremo presenti al Forum presentando due workshop nel pomeriggio di sabato 2 settembre, dalle 15.00 alle 18.00.  Durante la sessione dedicata alle esperienze di economia e di sviluppo dal basso.

Vi invitiamo a partecipare, iscrivendovi direttamente

 http://www.sbilanciamoci.org/index.php?option=com_iscrizione 

e scegliendo i workshop 5 o 6.

 
I due workshop organizzati (e di cui potete leggere il programma in corpo di email) sono:
- Mass Media anch’io: poveri, liberi e patinati (Promosso da: Fair, Carta, Metamorfosi, Centro Ricerche Studi Culturali dell’Università la Sapienza di Roma, Periodico Cercasiunfine)
 
- Filiere tessili dell'immaginario: indossare nuove identità a tutela dei diritti (Promosso da: Fair, Mani Tese, Icea)
 

 
Workshop - MASS MEDIA ANCH’IO: POVERI, LIBERI E PATINATI
Promosso da Fair, Carta, Agenzia Metamorfosi, Centro Ricerche Studi Culturali dell’Università La Sapienza di Roma, Periodico Cercasiunfine
 
Gli altri media in Italia
I care, mi riguarda. L'italia ha una antica tradizione di media locali, di strumenti comunitari e sociali di collegamento e di rappresentazione di pratiche di cittadinanza e di solidarietà. Sotto la spinta congiunta dei processi di globalizzazione e di innovazione tecnogica, anche nel nostro Paese abbiamo assistito al moltiplicarsi dei media alternativi. Web, radio, le più tradizionali versioni cartacee, agiti e rinterpretati con sobrietà ma in forme sempre più attraenti, tecnologiche e professionali, questi nuovi media sono "altri" dai media per contenuti, stili espressivi, modalità produttive, distributive e di consumo. Diversi, ma proprio per questo sostenuti da un pubblico sempre più ampio e attivo.
 
La nuova stagione della partecipazione
"Altre", rispetto a quelle che tradizionalmente raggiungono la visibilità mediatica sono, d'altronde, le identità e le politiche che si esprimono attraverso i media alternativi. Le nuove forme di partecipazione politica - dalle reti ai social forum, dalle campagne tematiche agli osservatori dal basso - che in Italia sono cresciute e hanno preso nuovo vigore insieme ai movimenti sociali, costruiscono laboratori nei quali la "P"olitica - il vivere insieme la dimensione pubblica globale e dei beni comuni - viene letta e agita a partire dal vissuto quotidiano di quei cittadini che troppo spesso subiscono impatti e conseguenze di decisioni prese sempre più lontano da loro. E' per questo che l'identità stessa della nuova partecipazione è comunicazione: stare in rete, rappresentarsi, ricostruire identità sociali, soggettive e collettive, generano dinamiche di scambio di informazionie di formazione a una cittadinanza globale più consapevole.
 
Verso un Osservatorio dei media alternativi sulla politica
La proposta che vogliamo cominciare a esplorare e delineare insieme, nel corso della seconda parte del Workshop, attraverso un dialogo attivo e fattivo con tutti i partecipanti, è quella della creazione di un Osservatorio dei media alternativi sulla politica. Per raccontare, commentare e accompagnare la politica del nuovo Governo italiano, ma anche delle istituzioni e organizzazioni internazionali delle quali gli "altri" media si occupano, per individuare tendenze, aperture, iniziative, derive e promuovere insieme nuove forme di partecipazione e di formazione politica.
 
Questo w-shop è aperto ai media-attivisti e alle loro reti, ai bloggers, agli studiosi, agli studenti, ai lettori, attori e consumatori dei media indipendenti, ma anche ai semplici curiosi. Uno spazio aperto nel quale trovare strategie comuni per un lavoro politico, sociale e di comunicazione.
 
Introduce e modera:
Monica Di Sisto, Giornalista, Vice presidente [Fair] e coordinatrice di [Fair]watch

Intervengono:
Michele Sorice, Docente di Storia della Radio e della Televisione all'Università La Sapienza di Roma - Gli Altri-Media in Italia
Giovanni Boccia Artieri, Docente di Sociologia dei new media all’Università di Urbino - I media-mondo dei media alternativi
Pierluigi Sullo, Direttore responsabile di Carta - I Cantieri sociali raccontano la politica
Mons. Rocco D'Ambrosio, docente di Filosofia politica all'Università Gregoriana di Roma, direttore di Cercasiunfine - Pensare politicamente: media e formazione sociale
Cristiano Lucchi, Giornalista, Agenzia Metamorfosi - Comunicare le alternative
 



FILIERE TESSILI DELL’IMMAGINARIO. INDOSSARE NUOVE IDENTITA’ A TUTELA DEI DIRITTI
Promosso da Fair, ICEA e Mani Tese
 
Il ruolo delle economie alternative e del consumo critico è stato fin dalla loro inizio quello di permettere al cittadino che consuma di poter esercitare il proprio diritto di scelta. Sostanziando il concetto che sta alla base dell'idea di società dei consumi, la possibilità cioè di avere un gran numero di possibilità di scelta apparente avendo di fronte molti prodotti apparentemente diversi, il consumo critico ha saputo contaminare l'approccio "consumo dunque sono" con comportamenti responsabili, altruistici, solidali. Penetrando all'interno del dispositivo ne ha, almeno in parte, sovvertito gli esiti, arrivando persino a proporre scelte di non consumo. Il consumo critico diventa quindi una riappropriazione del'atto del consumo da parte del cittadino, maggiore libertà, maggiore democrazia.
Ma questo ragionamento, base teorica del consumo critico, è reale o rischia di essere un obiettivo futuribile, ma di difficile applicazione?
 
L'immaginario e l'identità
L'approccio consumistico vede come uno dei motori immobili la creazione dell'immaginario, substrato su cui i grandi attori economici e sociali tentano di agire e grazie al quale si modificano comportamenti di vita e di consumo. La logica del marketing, in questi anni collegata alla definizione di nuove identità in un mondo globalizzato che tende ad annullarle, crea nuove tribù e nuove comunità, spesso virtuali, unite da un unico filo comune, quello dell'identificarsi e riconoscersi in un logo, in un'immagine decontestualizzata rispetto alla realtà dei rapporti sociali, dei conflitti e delle storie umane.
 
Un workshop, un unico filo rosso
La filiera tessile è uno degli elementi cardine di tutto il ragionamento, le grandi corporations del tessile abbigliamento, dalle grandi firme alle linee più sconosciute, adottano spesso il doppio binario della delocalizzazione produttiva, dell'abbassamento di diritti e costo del lavoro da una parte, e della creazione di un immaginario tranquillizzante, familiare o stimolante. Utilizzando grandi nomi come testimonial, o spot dalla fotografia accattivante o coinvolgente, il tutto però con l'obiettivo di creare comunità. E' necessario quindi ripartire dal concreto, dalle condizioni reali dei produttori di cotone, passando per la catena di montaggio informali delle industrie di manifattura, per poi arrivare a trattare dei collegamenti con l'immaginario, il marketing, la creazione dell'identità.
 
Come possiamo agire noi, come cittadini responsabili, come realtà di movimento, per agire adeguatamente sull'ultima fase, quella della riproduzione dell'immagine e dell'appartenenza, per poter intervenire in maniera più adeguata nei primi anelli della catena?
Un incontro dedicato a persone consapevoli, botteghe del commercio equo, organizzazioni non governative, realtà di movimento. Uno spazio aperto dove ragionare, dove trovare strategie comuni per un lavoro politico, sociale, comunicativo a tutela dei diritti del lavoro e dell'ambiente.
 
Modera: Deborah Lucchetti, presidente di Fair
 
Intervengono:
- Ibrahima Coulibaly, presidente Cnop, il coordinamento dei produttori agricoli del Mali
- Maria Rosa Cutillo, Mani Tese e tra i referenti della Campagna Responsabilità Sociale delle Imprese "Meno Beneficenza Più Diritti"
- Paolo Foglia, ICEA
- Lucy Salamanca, designer etica
- Kayo Ebisu, stilista

Per maggiori informazioni sui workshop: Alberto Zoratti - Fair - azoratti@yahoo.it

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36