ULTIMA TESSERA

Riforma della 185 Una vergogna nazionale

Alex Zanotelli

Il 3 giugno la Camera dei deputati ha finalmente chiuso il capitolo di un lungo e travagliato iter parlamentare relativo alle modifiche della legge 185/90 sull’esportazione di armamenti italiani all’estero e lo ha fatto con un voto che ha registrato 222 sì e 115 no. È un voto che rimarrà come una vergogna nazionale.
Pesanti sono le modifiche a una legge ottenuta dopo lunghe battaglie: tra le altre, l’introduzione della cosiddetta “licenza globale di progetto”, l’impossibilità di conoscere la destinazione d’uso finale di un’arma esportata e la forte limitazione delle operazioni di controllo e trasparenza finora garantite dall’annuale relazione del governo.
È più di un anno che il movimento italiano per la pace sta lottando contro queste modifiche. Mi pare che al Senato l’opposizione si era comportata molto bene nell’ostacolare queste modifiche e si era persino riusciti a mettere in crisi un partito di maggioranza come l’UDC: alla fine, a Palazzo Madama, siamo stati sconfitti, ma con dignità.
Poi la legge è tornata alla Camera. La prima amara sorpresa è giunta la scorsa settimana, quando nelle Commissioni Esteri e Difesa il testo è passato per 16 voti contro 15: abbiamo perso per un solo voto! Mi sono sentito profondamente tradito dalla “Margherita”: solo un deputato su dieci si è presentato in Commissione, mentre gli altri non c’erano. Eppure la Margherita ci aveva promesso di essere dalla nostra parte, mentre ho scoperto che era profondamente divisa sulla questione, e i suoi deputati hanno preferito non presentarsi. Il che rende la sconfitta ancora più amara. Mi sento tradito sia dal capogruppo Castagnetti sia dal partito.
In Aula la Margherita si è astenuta, mentre lo SDI e l’ex ministro della difesa Mattarella hanno votato a favore. Nel complesso, 209 deputati si sono astenuti o non erano presenti al voto. Alcun giornali hanno riferito che l’opposizione ha votato compatta contro le modifiche della 185, ma anche questo non è vero. Basta analizzare i resoconti dei lavori parlamentari per notare le numerose assenze dell’opposizione in un’occasione di estrema importanza.
Questa vicenda impone una riflessione al movimento per la pace e all’intera società civile. Non basta, insomma, scendere in piazza contro la guerra in Iraq e dimenticare la questione delle armi. Ciò vale soprattutto per l’opposizione che siede in Parlamento.
Un grazie invece va a i sindacati, in particolare alla CIGL, perché sono rimasti fermi contro le modifiche anche se sono molti coloro che lavorano in fabbriche d’armi.
Davanti a questa disfatta, la società civile organizzata dovrà rilanciare una campagna per ripristinare i contenuti della 185 e dovrà lanciare una campagna a livello europeo perché l’UE adotti regole comuni più severe.
Invito ciascuno a scrivere ai propri deputati che hanno votato per il sì o si sono astenuti, esprimendo il proprio disappunto e annunciando che non torneremo più votare per loro. Il momento è grave, sia a livello mondiale che a livello nazionale: dobbiamo tutti rimboccarci le maniche e darci da fare.

Allegati

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Allegati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36