Un rinnovato appello al dialogo tra cristiani e musulmani

10 ottobre 2003

Ecco il testo dell&_#8217;appello per una seconda giornata del dialogo cristianoislamico.
Un importante appuntamento per un incontro tra persone, culture e
religioni.

Mosaico di Pace si è reso disponibile come centro di coordinamento e informazione sull&_#8217;iniziativa. Pubblichiamo integralmente il testo dell&_#8217;appello.

&_#8220;O uomini, vi abbiamo creato da un maschio e una femmina e abbiamo fatto di voi popoli e tribù, affinché vi conosceste a vicenda&_#8221; (Corano, Sura XLIX, ver. 13).

&_#8220;Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.&_#8221; (Mt 5,9)

È troppo alto il muro che separa il Nord dal Sud del Mediterraneo, l&_#8217;Occidente dall&_#8217;Oriente, il mondo cristiano da quello dell&_#8217;Islam. Come tante volte nei mesi scorsi hanno affermato i massimi esponenti del mondo cattolico, di quello protestante e ortodosso, abbiamo corso il rischio che l&_#8217;attacco militare contro l&_#8217;Iraq apparisse una crociata della cristianità contro l&_#8217;Islam.
Siamo convinti che, proprio grazie alle iniziative delle chiese cristiane, spesso in comunione tra esse e in spirito ecumenico, questo pericolo sia stato evitato. Tuttavia siamo consapevoli che l&_#8217;incubo dello scontro di civiltà aleggi ancora sulla scena geopolitica; in tutta Europa, inoltre, verifichiamo la ripresa di atteggiamenti razzisti, antisemiti e islamofobi che, come credenti e come cittadini di una Unione di Stati sempre più ampia e pluralista, destano una grave inquietudine; così come rileviamo che resta ancora troppo ampio il fossato che separa due comunità di fede &_#8211; quella cristiana e quella musulmana &_#8211; che condividono importanti tradizioni e valori spirituali come la discendenza abramitica, la fede nel Dio Unico, il legame con un libro sacro, la vocazione alla giustizia e alla pace.
Il dialogo tra queste due comunità di fede, pur essendo ormai avviato e avendo già prodotto alcuni frutti, è ancora a uno stadio iniziale. Soprattutto alla base delle due comunità, sono ancora troppo rare le occasioni di conoscenza, di incontro, di confronto sui grandi temi culturali e sociali del nostro tempo: la pace, la giustizia, il rispetto dei diritti umani, la convivenza, la costruzione di una società democratica e pluralista, la formazione dei giovani. Come afferma la Carta ecumenica, sottoscritta a Strasburgo nel 2001 dai presidenti della Conferenza delle Chiese Europee e del Consiglio delle Conferenze Episcopali dell&_#8217;Europa, &_#8220;ci sono stati e ci sono molti contatti positivi e buoni rapporti di vicinato tra musulmani e cristiani ma anche, da entrambe le parti, grossolane riserve e pregiudizi, che risalgono a dolorose esperienze vissute nel corso della storia e nel recente passato&_#8221;.
Da qui l&_#8217;impegno dei rappresentanti del mondo cattolico, protestante e ortodosso dell&_#8217;Europa a &_#8220;intensificare a tutti i livelli l&_#8217;incontro tra cristiani e musulmani e il dialogo cristianoislamico. Raccomandiamo in particolare &_#8211; afferma ancora la Carta ecumenica &_#8211; di riflettere insieme sul tema della fede nel Dio unico e di chiarire la comprensione dei diritti umani. Ci impegniamo a incontrare i musulmani con un atteggiamento di stima; a operare insieme ai musulmani su temi di comune interesse&_#8221;.
In questo spirito, già lo scorso anno, recuperando il senso del gesto di Giovanni Paolo II che, in occasione dell&_#8217;ultimo venerdì di Ramadan del 2001, volle condividere con il mondo islamico una giornata di digiuno, proponemmo la celebrazione di una giornata del dialogo cristiano islamico. Quell&_#8217;appello fu sottoscritto da centinaia di esponenti delle chiese cristiane cui vollero spontaneamente aggiungersi alcuni autorevoli rappresentanti delle comunità islamiche presenti in Italia; seguirono decine di iniziative di incontro, dialogo, conoscenza reciproca tra cristiani e musulmani in uno spirito di risposta alla comune vocazione alla pace.
Siamo convinti che oggi siano ancora più numerose e urgenti le ragioni che ci spingono a rinnovare la nostra proposta. Invitiamo perciò le comunità cristiane e quelle islamiche, le associazioni educative e culturali a esse collegate, le facoltà teologiche, le università, le istituzioni pubbliche a promuovere ancora più numerose iniziative di incontro e dialogo nella data del 21 novembre 2003, ultimo venerdì del mese di Ramadan dell&_#8217;anno islamico 1424 dell&_#8217;Egira.

Paolo Naso, Brunetto Salvarani e Giovanni Sarubbi
promotori dell&_#8217;iniziativa


Cristiani e Musulmani in dialogo per la convivenza e la pace

Comunicato stampa n. 2 per l&_#8217;inizio del Ramadan 2003

A tutti i musulmani d&_#8217;Italia

Roma, 22 ottobre 2003

Cari amici, Care amiche,

fra pochi giorni inizierà il vostro Ramadan. È un momento importante per tutti gli uomini e le donne dell&_#8217;islam che durante tale periodo compiono un grande sforzo per migliorare se stessi ed il propria rapporto con Iddio, con gli altri fratelli e con tutta l&_#8217;umanità.
Come negli anni scorsi vogliamo augurarvi un buon Ramadan 2003. Per noi, che da tempo siamo impegnati nel dialogo fra cristiani e musulmani, non si tratta di un augurio formale. Sentiamo grave il peso di una situazione complessa, resa ancora più difficile dagli strascichi di una guerra, dalla violenza del terrore, dall&_#8217;innalzamento di muri di pregiudizio.
Quest&_#8217;anno più di altri anni ci rendiamo conto che il richiamo alla giustizia dei profeti è ancora attuale ed inascoltato. Ci sovvengono allora le parole di Isaia: « Non è piuttosto questo il digiuno che voglio: sciogliere le catene inique, togliere i legami del giogo, rimandare liberi gli oppressi e spezzare ogni giogo?» (Is 58,6).
Ed è per questo che guardiamo con stima ed amicizia fraterna al vostro Ramadan che lega lo sforzo di purificazione personale all&_#8217;impegno per la giustizia. E come nello scorso anno vi chiediamo di dedicare l&_#8217;ultimo venerdì di questo mese a voi sacro ad un momento di dialogo e di amicizia fraterna con i fratelli di tutte le confessioni cristiane che anche quest&_#8217;anno si stanno mobilitando per realizzare tale giornata il prossimo 21 novembre, ultimo venerdì del Ramadan 2003.
Per la giornata del 21 novembre sono previste iniziative di preghiera e di digiuno in molte parti d&_#8217;Italia ed in tutte le confessioni cristiane di cui stiamo dando man mano conto sul sito http://www.ildialogo.org. Quest&_#8217;anno l&_#8217;iniziativa per il 21 novembre si avvarrà del sostegno di diverse istituzioni del mondo cristiano italiano, sia cattolico che protestante. Alcune riviste come Confronti (http://www.confronti.net) e Tempi di Fraternità (http://www.tempidifraternità.it) si sono rese disponibili a collaborare all&_#8217;organizzazione dei diversi incontri..
E con questi sentimenti e con questo augurio che vi diciamo Buon Ramadan. Che Iddio accolga le vostre e le nostre preghiere per la pace.

Paolo Naso, Brunetto Salvarani e Giovanni Sarubbi

Ultimo numero

La notte che ha cambiato il mondo
NOVEMBRE 2019

La notte che ha cambiato il mondo

Un dossier dedicato al Muro.
Quel Muro che ha condizionato la storia.
La notte tra il 9 e il 10 novembre 1989 la gente piccona,
distrugge e abbatte il Muro di Berlino.
E finisce un'era, dando inizio a una nuova.
Più sicura?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29