CCCP... Censura Crimini Cecenia Putin

8 marzo 2007 - Daniele Barbieri

Io vivo la mia vita e scrivo di ciò che vedo”, ripeteva la giornalista russa Anna Politkovskaja. Ma ha visto e scritto troppo: è stata uccisa il 7 ottobre 2006. Per ricordarla, e aiutare chi coraggiosamente si ostina, come lei, a “raccontare quel che vede”, a Bologna lo scorso 10 febbraio le Donne in nero hanno organizzato una “Giornata per Anna Politkovskaja”.
Noi Donne in nero ci opponiamo alla violenza a partire dalle relazioni che costruiamo con altre donne nei luoghi dei conflitti”, dice Patricia Tough. Francesca Sforza, inviata de “La Stampa”, racconta che per due volte è entrata da clandestina in Cecenia perché i giornalisti embedded “servono a poco”. La censura è quasi totale: l’unica organizzazione – Memoriale – che in Cecenia si batte per difendere i diritti umani quando riesce a raccogliere le denunce è comunque costretta a pubblicarle anonime. Durante la giornata prima Elena Dundovich che è tra le fondatrici della sezione italiana di Memoriale (nato negli anni ’80 in Urss come istituto di ricerca sulle vittime dello stalinismo, oggi è l’unica organizzazione per la difesa dei diritti umani presente in quasi tutti i Paesi dell’Est europeo) poi Roberta Freudiani, traduttrice della ricerca Le fidanzate di Allah (manifesto libri) di Julia Juziki, aiutano a capire cosa davvero succede nella Russia di una transizione ambigua e autoritaria e nel Caucaso dimenticato.

Scrittori in esilio
Nel pomeriggio c’è Majnat Abdullaeva: 32 anni, giornalista cecena esiliata in Germania, ora inserita nel programma del centro Pen Scrittori in esilio che sostiene scrittori e giornalisti perseguitati per ragioni politiche. Carmela Lavorato, avvocata dei Giuristi democratici, affronta il tema del femminicidio (cfr il sito

Ultimo numero

Che cosa ti è successo Europa?
GIUGNO 2019

Che cosa ti è successo Europa?

Che cosa ti è successo, Europa umanistica,
paladina dei diritti dell’uomo,
della democrazia e della libertà?
Che cosa ti è successo, Europa madre di popoli e nazioni,
madre di grandi uomini e donne che hanno saputo difendere
e dare la vita per la dignità dei loro fratelli?
Papa Francesco, 2016
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.24