PONTI E NON MURI

La prigione di Betlemme

Sono passati quattro anni da quando Assad mi abbracciò piangendo e disse: “Racconta la nostra sofferenza in Italia”. La situazione ora sta precipitando.
don Mario Cornoli

Era il dicembre 2002 e mi trovavo a Betlemme a casa di Assad, un cristiano, un energumeno, grandi baffi, un tipico arabo.Parlando delle sofferenze dei cristiani, questo gigante si mette a piangere e con le lacrime agli occhi, abbracciandomi con la forza della disperazione, mi implora: “Non ti dimenticare di noi e racconta la nostra sofferenza ai tuoi amici in Italia”.
Sono passati quattro anni da questo incontro e la sofferenza dei nostri fratelli si è moltiplicata... Si può ancora fare qualcosa?
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico, ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti: abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Il potere dei segni
MAGGIO 2019

Il potere dei segni

Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico, ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti: abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20