PONTI E NON MURI

La prigione di Betlemme

Sono passati quattro anni da quando Assad mi abbracciò piangendo e disse: “Racconta la nostra sofferenza in Italia”. La situazione ora sta precipitando.
don Mario Cornoli

Era il dicembre 2002 e mi trovavo a Betlemme a casa di Assad, un cristiano, un energumeno, grandi baffi, un tipico arabo.Parlando delle sofferenze dei cristiani, questo gigante si mette a piangere e con le lacrime agli occhi, abbracciandomi con la forza della disperazione, mi implora: “Non ti dimenticare di noi e racconta la nostra sofferenza ai tuoi amici in Italia”.
Sono passati quattro anni da questo incontro e la sofferenza dei nostri fratelli si è moltiplicata... Si può ancora fare qualcosa?
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico, ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti: abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico, ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti: abbonamenti@mosaicodipace.it
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36