EVENTI

Pace e nonviolenza

Scegliamo e pratichiamo la nonviolenza attiva.
E soprattutto teniamo unito il movimento per la pace!
La Marcia Perugia-Assisi è un’ottima occasione perchè il popolo della pace cammini insieme.
Alex Zanotelli

Caro Flavio, grazie per la tua lettera. La sento come un invito a dialogare, a confrontarci serenamente. Preciso subito che il mio commento sulla Marcia Perugia - Assisi era stato motivato dalla tua “provocazione” che la parola Pace era ormai usurata e che era meglio puntare sui Diritti. Chiedo scusa se sono stato troppo irruente o troppo poco sfumato nella mia reazione. Però questo tema mi sembrava troppo importante per lasciarlo cadere. In un mondo che ha accettato la guerra come un’ineluttabile necessità, mi ostino a richiamare tutti alla centralità della Pace. E quindi a rimettere la parola Pace nella Perugia - Assisi. E come sottotitolo metterei: “Scegliamo e pratichiamo la nonviolenza attiva”. È quanto ci ha insegnato con forza il fondatore della Perugia - Assisi, Aldo Capitini.
È quanto ho imparato dal mio Maestro, Gesù di Nazareth.
Penso sarebbe fondamentale oggi che i politici, partecipanti alla Marcia, sentano proclamare con forza e vigore, queste verità. Sono quegli stessi politici che hanno votato il rifinanziamento della guerra in Afghanistan, e la finanziaria con i suoi 23 miliardi per la difesa (con il 13 % di aumento sulla finanziaria di Berlusconi).
E ora il ministro della Difesa Parisi, ci dice che dobbiamo raddoppiare le spese militari. Per cui, almeno noi, continuiamo a gridare il contrario. Questo è il nostro ruolo, il ruolo della Tavola della Pace. Nego di aver mai insinuato che la Tavola della Pace “parla di pace, ma poi è pronta a fare la guerra”. Anzi sono profondamente grato a quanto ha potuto fare la Tavola per la Pace in questi anni. Ecco perché ci tengo così tanto a rispondere alla tua lettera.
È possibile costruire la pace senza fare i conti con la politica?”, mi chiedi nella tua lettera. “No!”. Ma dobbiamo capire per cosa intendiamo per politica e quanto la cosiddetta politica, oggi, può decidere.
Penso che solo una forte presa di coscienza dal basso, una sferzata di “cittadinanza attiva” potrà forzare i nostri politici a rifiutare la via della guerra. La mia convinzione è che oggi i governi, i partiti, i politici obbediscono non a chi li ha eletti, ma ai potentati economico-finanziari o ai complessi militar-industriali. Per cui solo un grande movimento dal basso (reti locali e planetarie) potrà “forzare” i nostri politici a imboccare un’altra strada.
È la strada dei “beni comuni”, dei diritti fondamentali umani come l’acqua, l’aria… L’impegno per questi beni comuni diventa l’impegno per il recupero della democrazia.
Abbiamo ormai tutti sposato il mercato come supremo bene e il profitto come suprema legge. Ha ragione Riccardo Petrella quando dice che c’è un virus che ha già contagiato anche tutte le sinistre al governo in Europa. Ed è questo!
Dobbiamo tutti convertirci. Ritornare a parlare di beni comuni, di diritti fondamentali. Primo fra tutti (e non lo si vuole accettare!) è il diritto al cibo! Non possiamo accettare un mondo dove, ogni anno, muoiono 50 milioni di persone per fame. Mentre buttiamo a mare così tanto del nostro cibo! Non posso accettare un mondo che ritiene l’acqua una merce: questo vorrà dire che domani avremo100 milioni di morti di sete.
Se ti ricordi, a Nairobi, durante il Forum mondiale Sociale, ti avevo suggerito di annunciare per la Perugia-Assisi che nessun Comune si azzardasse a venire con il gonfalone, se dopo aver votato per l’ acqua come bene pubblico, diritto fondamentale a totale gestione pubblica.
Se parli di una Perugia-Assisi, per i diritti, questo potrebbe essere oggi una discriminante!
Le grandi guerre non si faranno più per il petrolio, ma per l’acqua.
È il secolo dell’oro blu!
Questo per me è politica, la vera politica che tutti possiamo e dobbiamo fare. Se mi permetti, aggiungerei una postilla. Non dividiamoci per questo. Continuiamo a discuter fra di noi, a dialogare, a confrontarci, ma senza spaccarci. Siamo già così pochi! Teniamo questo movimento per la pace unito! In un momento in cui la minaccia atomica ritorna con forza, il movimento per la pace si ritrovi unitario a dire no a ordigni atomici sul nostro territorio.
Su questo il movimento italiano ha ritrovato la sua unità!
Camminiamo insieme perché la Pace ritorni a sorridere su questa nostra Madre Terra, così minacciata a livello ecologico. Uniamo tutte le nostre forze contro i Sistemi di morte.
Perché vinca la vita!

Ultimo numero

Ponti
SETTEMBRE 2019

Ponti

Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni e gli abissi
per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
Ivo Andrić
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26