Chiese in dialogo

Il contributo delle Chiese, le difficoltà e le speranze del cammino ecumenico in vista di un’Europa laica e plurale, che sappia accogliere le diversità e sia aperta al dialogo.
Serena Noceti

Partiamo da due momenti storici che mi sembra racchiudano – anche per la loro forza simbolica – il senso di un’evoluzione dell’idea di laicità: le guerre di religione che hanno insanguinato l’Europa nel XVII sec. (in particolare la Guerra dei Trent’anni) – che hanno costituito una “catastrofe storica” e, come sostiene Rabb, un vero e proprio “spartiacque” – e la produzione dell’art. 52 del Trattato costituzionale europeo che “riconoscendo l’identità e il contributo specifico delle Chiese e delle associazioni o comunità religiose mantiene un dialogo aperto, trasparente, regolare con tali Chiese e organizzazioni”.
Sono due eventi che coinvolgono confessioni cristiane e nei quali il cristianesimo è inteso in forma plurale anche se confessionalmente definito.
[...]

Note

Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico, ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti: abbonamenti@mosaicodipace.it

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Il testo integrale dell'articolo non è disponibile on line.
    Se desideri sottoscrivere l'abbonamento al formato elettronico, ti preghiamo di contattare l'ufficio abbonamenti: abbonamenti@mosaicodipace.it

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36